Skip to content

Esperimenti con materiale radioattivo sul Gran Sasso, la Regione chiede di fermarli. L’Osservatorio: non basta

Teramo. “La situazione che si sta vivendo sulla gestione dell’acquifero del Gran Sasso è oltre ogni immaginazione” è questo il commento del Wwf Teramo all’annuncio che nei Laboratori di fisica nucleare del Gran Sasso sarebbe stoccato materiale radioattivo per delle operazioni che sarebbero autorizzate.

“Come si può pensare di gestire in questo modo uno dei più importanti acquiferi del centro Italia? – insiste il gruppo chiarendo che la notizia sul trasporto di materiale radioattivo verso i laboratori del Gran Sasso sarebbe – uscita da una testata giornalistica e dalle associazioni di volontariato Dai laboratori riferiscono che si tratterebbe un test senza trasporto di materiale radioattivo, comunicazione ricevuta al telefono dal direttore dei laboratori, Stefano Ragazzi,  ad un rappresentante dell’Osservatorio indipendente sull’acqua del Gran Sasso. La Regione gestisce un tavolo tecnico sulla questione e ha promosso un protocollo sulla trasparenza e sulla gestione degli interventi nel Gran Sasso dichiara di non essere stata messa a conoscenza di attività nei Laboratori che riguardano materiale radioattivo. Enti locali e altre istituzioni s’interessano alla vicenda a intermittenza. Se ne occupano nel momento delle emergenze, ma dopo tornano a dormire” sottolinea l’Osservatorio nato proprio dopo i fatti del 9 giugno quando i controlli sui campioni di acqua dell’impianto del Gran Sasso, per colore, sapore, odore e torbidità, spinsero la Asl4 Teramo a chiudere i rubinetti di 3/4 d’Abruzzo per un giorno. “Leggiamo che la Regione ora chiede la sospensione dell’esperimento con il materiale radioattivo nei laboratori- conclude il gruppo – Bene, ma non sufficiente! C’è una confusione enorme e sembra che ognuno possa continuare a fare ciò che vuole, dimenticando che si sta parlando della salute di metà della popolazione abruzzese. L’Osservatorio Indipendente sull’Acqua del Gran Sasso lo sta ripetendo da tempo: va cambiato radicalmente il modo di agire, altrimenti si continueranno a ripetere gli errori commessi fino ad oggi”.

mariatrozzi77@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: