Skip to content

Risotto mortale condito con gli stimmi del Colchico d’Autunno scambiato per Croco

Un risotto condito da colchicina alcaloide di una pianta mortale che fiorisce in questo periodo, anche sulle montagne d’Abruzzo, i cui stimmi sono stati confusi, da una coppia venezia, per quelli del Crocus, dalla fioritura primaverile da cui si ricava una specialità tipica della Piana dei Navelli e diffusa nell’aquilano: lo Zafferano. Confondere i 2 fiori è stato letale per Giuseppe Agadi 70enne, morto avvelenato il primo settembre e Lorenza Frigatti 71enne che dopo una lunga agonia è stata uccisa dal falso zafferano ricavato dal colchico d’autunno raccolto, dalla signora, sulle montagne nel territorio del Comune di Fogaria, in Trentino.

Croco e Colchico Report-age.com 2017

Alla vostra sinistra il Croco e a destra il Colchico Report-age.com 2017

Si chiama Scacciapastori il Colchicum alpinum che cresce sui pascoli d’alta quota. In Abruzzo lo chiamano così perché un tempo questo piccolo fiore sollecitava i pastori a prepararsi per la vera transumanza (orizzontale) attraversando gli antichi tratturi e verso le Puglie. Oggi la sua fioritura sollecita, ma non per tutti, la transumanza (verticale) conosciuta come demonticazione, ossia il trasferimento autunnale degli animali e dei pastori dai pascoli in quota alla pianura. Il falso zafferano che ha tradito la coppia di Venezia potrebbe essere stato ricavato da un parente stretto e velenoso dello Scacciapastori, il Colchicum Lusitanum fiorisce a bassa quota tra agosto e settembre nelle radure dei boschi, umidi.  

L’autopsia ha sciolto ogni dubbio sull’avvelenamento e su cosa lo ha causato: colchicina, sostanza velenosissima contenuta nel colchico d’autunno che fiorisce tra agosto e settembre ai margini dei boschi. L’effetto tossico è quasi immediato, si manifesta appena dopo 2 ore, o nelle 24 ore con febbre,  bruciore alla gola, sete intensa, dolori gastrici, vomito, sudori freddi, crampi dolorosi, poi intervengono emorragie non controllabili, ipotensione e morte per insufficienza respiratoria o collasso cardiocircolatorio (qualcosa in più sul Colchicum).

mariatrozzi77@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: