Skip to content

Il Morrone brucia ancora. Domani è un altro giorno, pioverà!

Una breve tregua per ricominciare, sono trascorsi 20 giorni dal primo rogo sul fianco della montagna in territorio di Pacentro (Aq). Oggi sul versante Occidentale, verso Nord in alta quota, si è alzato molto vento che solleva anche molta cenere, proprio quando i voli dei Canadair sono meno percettibili di mattina e nel primo pomeriggio, proprio quando credevamo tutti di aver vinto il fuoco e che il monte Morrone fosse finalmente in salvo. La colonna di fumo è visibile da ore in valle Peligna e la popolazione torna a preoccuparsi.

L’area che brucia e fuma è quella che spesse volte nei report abbiamo segnalato in questi  giorni. É il bracere su Colle delle vacche a preoccupare, uno strato di carboni ardenti a 200 gradi centigradi che nemmeno la poca pioggia caduta i giorni scorsi e l’opera di smassamento spegne. Dall’alto il rumore dell’areomobile con il suo carico da 6 mila litri di acqua rincuora, forse l’ultimo sgancio della giornata, visto che sta facendo buio. Nella radura appena sotto il fronte del fuoco l’occhiolino delle luci dei mezzi antincendio, probabilmente gli elfi dei Vigili del fuoco e della Protezione civile. Le previsioni meteo mettono pioggia seria per domenica, su tutto l’Abruzzo, ma nel pomeriggio. Scende la sera, è quasi notte. Domani è un altro giorno, pioverà!

mariatrozzi77@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: