Skip to content

Linea tagliafuoco a Badia Morronese per proteggere l’abitato. A rischio la chiesa Santa Maria degli Angeli dedicata alla memoria dei Caduti

Badia del Morrone (Aq). Ultimi minuti di luce prima che scenda il buio. L’elicottero non sorvola più via Caprareccia, ultima strada abitata che interseca via Badia sulle pendici del monte Morrone. La strada per arrivare all’eremo è a rischio, più su la chiesa con il cannone, chiesa Santa Maria degli Angeli dedicata alla memoria dei Caduti, è minacciata dalle fiamme. Siamo poco distanti dal fuoco che brucia un’altra collinetta del monte Morrone, ormai da 9 giorni al rogo. Il fuoco sta arrivando a valle, speriamo che la notte lo contenga, prima aggredirà una pineta. 

É nel tardo pomeriggio che la situazione si è complicata per quell’imprevisto, tanto esorcizzato, di cui parlava il comandante dei vigili del fuoco Domenico De Bartolomeo, che coordina le operazioni di spegnimento. Il forte vento si è fatto sentire, è arrivato e ha riattivato le fiamme sospingendole nella parte bassa del bosco fino ad arrivare a lambire le frazioni di Case Lupi e San Pietro, sempre nel comune di Sulmona. Ci raccontano alcuni residenti dell’area: “Il pilota dell’elicottero bravissimo, ma è evidentemente disperato. Fa manovre assurde, non riesce nonostante faccia un lancio ogni 3 minuti“. La situazione è davvero difficile, con i trattori si sta scavando una linea antifuoco sul terreno per proteggere le abitazioni. Quella per colle delle Vacche è quasi pronta, grazie ai volontari che hanno risposto all’appello del sindaco di pratola Peligna Antonella Di Nino. La linea è decisiva per i soccorsi, realizzata in 2 giorni, è servita ai mezzi di soccorso per arrivare fino al fronte del rogo dove hanno potuto operare per arginare le conseguenze. Si vedono fiamme fino a 10 metri di altezza.

mariatrozzi77@gmail.com

Video gentilmente concesso da Nicolò Sambenedetto

Emergenza incendi: linea tagliafuoco quasi completata a Colle delle Vacche, nel territorio di Pratola. Sono pronti a contrastare l’arrivo delle fiamme.

“La linea tagliafuoco per contrastare il possibile arrivo dell’incendio nel territorio pratolano è quasi completata. Manca pochissimo al termine del lavoro encomiabile dei nostri volontari e delle ditte incaricate che da quattro giorni sono impegnati in una fondamentale opera di prevenzione che prevede, come è noto, anche la pulizia dell’area del Rifugio di “Colle delle Vacche”. Proprio questa mattina è stato perfezionato il ricongiungimento della linea tagliafuoco con il tratto del Rifugio, riattivando una strada forestale impraticabile oramai da anni a causa dell’incuria in cui versava. Ora questa strada puo’ fungere anche da passaggio per i mezzi di soccorso ed intervento. Un risultato importante tenuto conto delle difficoltà delle condizioni nelle quali stanno operando i nostri volontari. L’incendio non sembra essere distante dal territorio della nostra montagna, e il vento potrebbe incoraggiare l’arrivo delle fiamme nei pressi della tagliafuoco in un tempo limitato. Con il completamento imminente della linea e la pulizia, quanto più è possibile, del legname essiccato nella zona contiamo di definire, con tempestività, un valido argine al possibile propagarsi dell’incendio mettendo a punto un piano di prevenzione necessario in questi casi di emergenza continua” È quanto dichiara in una nota il Sindaco di Pratola Peligna Antonella Di Nino.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: