Skip to content

Super Alpini dell’Aquila sul Morrone che brucia all’opera fino al termine dell’emergenza. Immagini inedite

Sulmona (Aq). Esercito e vigili del fuoco nelle aree dov’è più pericoloso operare sono stati oggi sul Morrone che brucia, ma in alta montagna e a ridosso dei lanci degli aerei e degli elicotteri anti incendio. L’efficacia della loro azione sulla montagna Sacra ha portato a confermare la presenza dei militari del nono Reggimento sino a chiusura dell’emergenza.

Aggiornamento

Li chiamano Super Alpini, sono quelli del reparto speciale dell’Esercito Italiano che fa parte del IX Reggimento dell’Aquila costituito per le emergenze protezione civile. Vista la notevole e risolutiva efficacia dimostrata sul campo i militari sono stati prescritti fino al termine dell’emergenza. In queste difficilissime ore stanno dimostrando con abnegazione e spirito di sacrificio, per l’ennesima volta, una importantissima risorsa per il territorio. Le squadre organizzate (10) di volontari autonomi guidate da personale esperto dell’esercito e dei vigili del fuoco opereranno in azioni di bonifica. Sono 2 mezzi dell’Esercito con 4 mila litri di capacità l’uno, che caricano l’acqua nella caserma dei Vigili del fuoco di Sulman e fanno da spola per il rifornimento dei mezzi antincendio. A comandare il gruppo di alpini intervenuti ieri un sulmonese. L’attività svolta fino alle ore 17 ha garantito ottimi risultati, zona operazioni Sulmona: Fonte D’amore, Marane, Santa Lucia e San Pietro. Poi ancora a Pacentro (Aq): Camosciara, Rocca Cannone, Passo San Leonardo con bonifica area e spegnimento incendio, rabbocco acqua mezzi protezione civile. I Super Alpini dell’Aquila hanno già preso parte al soccorso a Rigopiano e che ha operato nella zona di Amatrice per il sisma. (B. Z.)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: