Skip to content

L’eremo di Santa Croce è  salvo. Video dei lanci del Canadair a mezzo metro dal muro del romitorio

Sulmona (Aq). Il Canadair sfiora di mezzo metro l’Eremo di Santa Croce. Miracolo, la chiesetta di San Pietro è  salva. Il mezzo dei vigili del fuoco  lancia per 4 volte acqua, 24 mila litri, il romitorio di Pietro da Morrone è integro, le mura non si sono nemmeno annerite. L’incendio non vince sul sito questo grazie ai volontari della Protezione civile di Pettorano sul Gizio (Aq) e ai Vigili del fuoco coordinati, lanci acqua e a terra, da 3 funzionari che da stamane garantiscono l’efficacia delle operazioni di spegnimento sull’area del Morrone che interessa l’eremo. Si trovano sul rettilineo di via Lamaccio/Marane: Gianfranco Miconi del Comando provinciale Vdf di Pescara è in cima al monte che infiamma ancora, Plinio Adriani Ros (Responsabile operazioni soccorso) e il Direttore opererazioni di spegnimento Giuseppe Rapagna sono sulla strada con radio e telefonini connessi e sempre accesi. Dalle ricetrasmittenti la voce del pilota del Canadair “Sto per lanciare” e Rapagna “Occhio ragazzi sta per buttare”.  Sull’eremo non c’è più pericolo. Ora si procede a spegnere altri focolai che sul Morrone riprendono inarrestabili. Irradiazione, caldo e vento non aiutano. Altri punti critici monitorati sono  località Santa Lucia e Pacentro dove operano un mezzo aereo ed un elicottero. Una saetta Aq1 che garantisce lanci alle pendici, è l’elicottero della direzione regionale.

Aggiornamento

mariatrozzi77@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: