Skip to content

Niente fondi dal Comune? A Torrone le panchine se le comprano i residenti

Torrone di Sulmona. Panchine vecchie e inutilizzabili, niente soldi per cambiale. Gli abitante della frazione allora si organizzano e, di tasca loro, mettono tutto a nuovo.

Restyling per il grazioso borgo, a costo zero per il Comune di Sulmona che non ha assegnato alcun fondo per procurare qualche panchina nuova nella frazione. Per gentile concessione di Franco Lotito, cittadino di Torrone, possiamo ammirare in anteprima dalle sue immagini le nuove panchine e il prezioso lavoro realizzato per dare ristoro e un punti d’appoggio a chi ne avesse bisogno durante i tragitti a piedi. Le spese per trattare il legno delle panche sono interamente a carico degli abitanti di Torrone. Il legno necessario è stato offerto gratuitamente dalla ditta Ventresca Legno Di Fabio&Carmine che gli abitanti ringraziano di cuore per la disponibilità così tutti quelli che hanno dato una mano a garantire i nuovi posti a sedere in una località, la valle Peligna, dove si va piuttosto avanti con l’età. Altro esempio da seguire quello dell’azienda di via Valle Corvo, dopo l’imprenditore che ha spazzato la neve, a gennaio, davanti la statua di Ovidio e ha restituito alla cattedrale di San Panfilo il basamento di un’antica colonna finito in una discarica abufiva. In totale ora Torrone ora i residenti e i visitatori possono contare su 4 confortevoli panche in legno più 2 in ferro di cui una davanti l’ufficio postale e l’altra posizionata dinanzi al seggio elettorale.

Questo slideshow richiede JavaScript.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: