Skip to content

Pascoli abusivi, a rischio ecosistemi e specie protette. Esposto di 3 associazioni

Pascoli abusivi, dannosi e pericolosi per gli ecosistemi del Parco nazionale Maiella (Pnm) e le specie protette che rischiano il contagio se gli animali abbandonati sono malati. La domanda è lecita e va posta ufficialmente se il fenomeno dilaga: chi protegge gli ecosistemi del parco Maiella dal pascolo abusivo? 

Così preoccupate Salviamo l’orso, Lega italiana protezione uccelli (Lipu) Abruzzo e Altura (Associazione per la tutela degli uccelli rapaci e dei loro ambienti) inviano un esposto all’ente Parco nazionale della Maiella, al reparto Carabinieri forestali del parco e al Comando Regione Carabinieri Forestale Abruzzo. Le 3 associazioni chiedono di sviluppare un’incisiva azione che consenta di arginare i numerosi fenomeni di pascolo abusivo, gravemente dannosi dell’integrità degli ecosistemi e delle specie protette dal parco e dall’Unione europea, anche per tutelare le forme di allevamento esercitate in modo equilibrato e nel rispetto della normativa. “Con il recente avvio alla monticazione del bestiame domestico nel territorio del Parco Majella” si registrano danni agli ecosistemi forestali e di prateria dovuti al pascolo brado di bovini ed equini spesso lasciati al loro destino in montagna persino nel periodo invernale e senza alcuna custodia, scrivono le associazioni ecologiste. “Tale fenomeno costituisce oggi una delle principali minacce all’integrità degli ecosistemi e delle specie montane, tra le quali spicca l’Orso bruno marsicano – intervengono i coordinatori Stefano Orlandini (Slo), Stefano Allavena  (Lipu) e Fabio Borlenghi (Altura) – La presenza di grandi quantità di questi animali, liberi di muoversi senza controllo, sta infatti provocando gravi danni alle praterie naturali, agli ambienti umidi e ai boschi di montagna del territorio del parco che fino a pochi decenni fa conoscevano solo la presenza di ovini, sempre ben custoditi e di gran lunga meno dannosi per l’ambiente. È da non sottovalutare il pericolo che le patologie di un bestiame lasciato a se stesso possano essere trasmesse ai pochi individui di orso che frequentano il parco, tra l’altro  considerata una delle minacce più gravi alla conservazione della specie, che il Piano per la tutela dell’orso marsicano (Patom), l’ex Corpo forestale dello Stato inquadrato oggi nell’Arma dei Carabinieri e la Regione si sono impegnati a contrastare vigorosamente anche e sopratutto alla luce dei gravi episodi registrati in Marsica e nel territorio del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, negli anni scorsi – aggiungono i presidenti delle associazioni – Si fa riferimento, per chi non ricordasse, ai ripetuti casi di Tubercolosi (Tbc) bovina , di maltrattamenti agli animali e di macellazioni clandestine.

Oltre che dannoso, il pascolo brado e/o nel bosco è vietato da norme di carattere generale e dalla Legge Regionale n. 3/2014. Nei territori protetti da Siti di Interesse Comunitario o Zone di Protezione Speciale dell’Unione Europea, inoltre, i proprietari sono punibili per i danni arrecati dai loro animali agli habitat anche in base all’art. 733-bis del codice penale (distruzione o deterioramento di habitat all’interno di un sito protetto), con l’arresto fino a 18 mesi e l’ammenda non inferiore a 3 mila euro. Tali condotte illegali sono tanto più gravi in quanto si realizzano anche nelle Zone A di Riserva integrale individuate dal vigente Piano del parco che pone espresso divieto alle attività di pascolamento in tale Zona, salvo nulla osta dell’ente Parco, rilasciabile solo se il pascolamento è finalizzato a mantenere l’equilibrio ecologico e le peculiarità naturalistiche delle aree, comunque vietate in modo assoluto se esercitate in forma brada e/o nel bosco, sia nelle Zone A sia in quelle B. I proprietari sono punibili, in questi casi, anche in base all’art. 13 e art. 30, c. 1 della L. n. 394/1991 (interventi in assenza del nulla osta dell’Ente Parco ed in difformità dal Piano del Parco)”. 

Situazione gravissima per questo le 3 associazioni denunciano: “La mancanza di un’efficace azione di contrasto al fenomeno da parte degli enti la cui capillare presenza sul territorio del parco consentirebbe invece di prevenire e reprimere i fenomeni di abusivismo facilmente riscontrabili, in quanto molto diffusi ed evidenti a chiunque percorra i sentieri del Pnm o ne frequenti il territorio in queste settimane”.

Archivio 

Decine di cavalli prigionieri della neve senza cibo da settimane a Campo Felice 

Esposto per i cavalli abbandonati, molti sono ancora da salvare e restano in alta quota 

Recuperata una ventina di cavalli. Molti restano abbandonati sugli altipiani aquilani 

Decine di cavalli abbandonati verso i rottami dell’eliambulanza caduta a Campo Felice

Tbc bovina. Focolai a Bisegna e Gioia dei Marsi: pascoli ancora invasi dal bestiame

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: