Skip to content

Pietre che camminano grazie ai soliti imbecilli, il basamento della colonna di nuovo lesionato

Sulmona (Aq). Nemmeno 24 ore dal recupero del basamento e di nuovo vandali all’attacco nel giardino laterale della cattedrale di San Panfilo. Scambiare la storia di Sulmona per un poggiapiedi è da ignoranti, lesionare la base di un’antica colonna trascinandola sul pavimento di un giardino pubblico, per pura comodità, è proprio da imbecilli. 

Aggiornamento

Magari dall’impianto di videosorveglianza dell’area, della cattedrale di San Panfilo, è possibile ricavare qualche immagine, identificare i padroni di quei piedi puzzolenti, sudici e tanto stanchi da dover riposare sulla pregiata pietra bianca che, appena ieri, è stata riposizionata con fatica. Era finita in discarica, Pasquale di Toro e la sua squadra l’hanno recuperata e rimessa al posto, poi qualcuno nel tardo pomeriggio ha pensato di poter polverizzare l’impegno dei cittadini più altruisti, dei pochi volontari a servizio del bene comune. Usare la base dell’antica colonna come poggiapiedi è da capre, capre, capre, ma scarabocchiare l’area con delle bombolette spray è da incivili, scrivere anche sulle pareti della cattedrale è da ignoranti. Ci rifiutiamo a questo punto di pubblicare i capolavori di stupidità che imbrattano la parete laterale. Capre, capre, capre se ad un’opera buona accompagnate solo parole al veleno e azioni al vetriolo. É proprio così che il sulmonese medio ha smesso persino di essere e, come la sua città polverizzata, è sprofondato nel baratro dell’invidia e dell’incuria. L’indifferenza poi è una piaga purulenta, ma rassicurare il cittadino solo a chiacchiere non serve. Dunque le maledizioni che colpiscono inesorabilmente questa città sono uno specchio dell’anima. Se qualcuno ha ancora voglia di amministrare questo territorio intervenga!

1 commento »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: