Skip to content

Popoli: lavori ai Viadotti. La manutenzione salverà le Sorgenti del Pescara? Bretella Bis, Toto a chi tocca!

Popoli (Pe). Un grande cantiere spunta alla base dei viadotti dell’autostrada in val Pescara proprio all’altezza dell’azienda che imbottiglia l’acqua di Popoli, la Guizza spa, e suggerisce che nel progetto appena presentato al ministero delle infrastrutture i concessionari di alcune autostrade abruzzesi (A24 e A25) non dovrebbero amputare questa fetta di viadotti.

Viadotto Popoli lavori Foto Maria Trozzi Report-age.com 2017

Lavori in corso sotto i ponti a ridosso del grazioso centro cittadino che ha dato i natali all’ingegnere Corradino D’Ascanio inventore, tra l’altro, del primo prototipo di elicottero moderno e della Vespa. Nel cantiere circoscritto da una lunga rete arancione ci sono diversi cumuli di terra, cataste di piani e ferri delle impalcature, alcune innalzate da poco. Sviluppandosi in altezza, a mezzo metro dai cuscinetti in metallo che congiungono il piano stradale alla colonna, delle pedane sembrano da completare perché si riducono a scalare dei piloni dal lato in cui spesso è installato un tubo arancione. Nel cantiere non sono visibili cumuli di condotte e tubi. La speranza è che non si dimentichino proprio di un intervento necessario: incanalare le acque reflue del troncone autostradale così come chiesto, tempo fa, dall’amministrazione comunale. La pioggia lava il manto stradale dell’infrastruttura e l’acqua solo per brevissimi tratti viene incanalata, per il resto cola sul cemento tracciando macchie di umidità,  sotto l’autostrada finisce nella riserva naturale regionale.

Progetto bis. Il costruttore Carlo Toto vuole di nuovo tagliare i viadotti, intuire quali non è difficile. A chi tocca privarsene? Per esclusione, si progetta di sostituire il viadotto di Pietrasecca con una galleria perché ingegneristicamente inconcepibile con punte di altezza di 80 metri, così indica l’amministratore delegato della società Cesare Ramadori nel nuovo progetto di messa a norma per la sicurezza e l’adeguamento sismico. Le immagini di ieri sembrano escludere i viadotti all’altezza di Popoli, altrimenti non si procederebbe con interventi in cantiere di queste dimensioni. Dunque, nel nuovo progetto di bretelle e demolizioni a chi tocca? La valle Peligna dovrebbe cominciare a soffrire d’insonnia.

viadotto autostrada sulla Riserva Sorgenti del Pescara

L’intervento destinato ai viadotti interessa anche il tratto con i giunti che sono saltati a causa del terremoto del 24 agosto 2016. Il sisma impose la riduzione delle corsie di marcia per interventi di messa in sicurezza. Se non è stato previsto è il caso allora di pensare anche di installare dei canali di scolo, soprattutto sul tratto che sfiora la Riserva naturale regionale e attraversa il punto in cui scorre l’acqua delle Sorgenti del Pescara.

Aggiornamento del 29.5.2017. I lavori di manutenzione dell’ Autostrada dei Parchi (A24-A25) saranno effettuati dal concessionario (Carlo Toto) a valere sui canoni di concessione 2015-2016 già dovuti per un totale di 111,7 milioni più interessi. Il dovuto sarà restituito ad Anas in tre rate annuali a partire dal 2028. Restano fermi tutti gli importi dovuti alla società stradale. Lo prevede un emendamento alla manovra-bis approvato in Commissione. Toto dovrà presentare entro 20 giorni dall’entrata in vigore del dl “un piano di convalida per interventi urgenti” (fonte Ansa). 

Galleria  immagini

Maria Trozzi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: