Skip to content

Italica a Casini e Gerosolimo: “Ponete rimedio alle disattenzioni politico-amministrative che massacrano il territorio, 

Sulmona (Aq).&nbs

  1. style=”color:#000000;”>“Mi rivolgo, in primis, al sindaco di Sulmona,w. Annamarilĺllĺlĺl

Lĺlpa Casini, perché torni ad amministrare bene insieme alla lmaggioranza e con la sua Giunta” è l’ĺappello di Alberto Di Giandomenico che chiede al primo cittadino di Sulmona di vere polso con i suoi.

Alberto Di Giandomenico Report-age.com 2014

Alberto Di Giandomenico

Sta accadendo di tutto in questi ultimi mesi in città, dall’ufficio sisma bloccato ai fermi amministrativi, agli architetti che chiedono soluzioni, alle imprese in attesa di poter operare, ai commercianti che non capiscono più che fare, alle cooperative in stallo per non parlare dell’emorragia di servizi in atto, appena ieri ha chiuso la biblioteca comunale. “Un disastro a cui porre rimedio, subito – è l’appello del Movimento Italica guidato da Alberto Di Giandomenico – Chiedo di superare la situazione di stallo. Troppa ipocrisia fa male alla salute di questa città che vive nella confuzione di un disturbo bipolare di alcuni amministratori che dicono una cosa e alle spalle ne dicono un’altra e prendono parte nella maniera più conveniente e personale possibile in ogni vertenza e per ogni problema, purtroppo. Primo cittadino, consiglieri comunali di maggioranza e Giunta soprattutto dovrebbero ricominciare a camminare all’unisono per l’interesse dell’intera comunità e non coltivare, come in passato, altri orticelli. Dobbiamo andare avanti – continua il coordinatore Di Giandomenico – Mi rivolgo soprattutto all’assessore regionale alle aree interne, Andrea Gerosolimo, che ha voluto fortemente questa impostazione e questo esecutivo comunale che però non sembra funzionare. La stessa situazione si sta creando anche a Pratola Peligna dove l’impostazione è analoga a quella costruita per Sulmona e dove si corre il rischio di fare la stessa fine, in mano a politici inesperti – domanda Di Giandomenico a Gerosolimo – Cosa vuoi fare della valle Peligna? Vuoi distruggerla o salvarla? Ci sono delle disattenzioni continue da parte degli enti chiamati ad amministrare questo territorio. Ognuno va per i fatti suoi senza assumersi poi la responsabilità delle conseguenze di questo opportunismo dilagante, un intero comprensorio sta andando in rovina soffocato da interessi di bottega. La politica Peligna non è più attenta ai bisogni della gente, si mette in mostra al momento opportuno e poi torna a parassitare – è il monito di Giandomenico per gli elettori di Pratola Peligna e conclude: “Questi amministratori li ha voluti l’assessore Gerosolimo a lui l’onere e l’onore di coordinarli, di riprenderli e di sostituirli se non sono all’altezza del compito”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: