Skip to content

Istituto Cuppari ancora chiuso, lettera al sindaco per la riapertura. L’albo Agrotecnici (Pe) si mette a disposizione

Cepagatti (Pe). Il presidente del collegio provinciale degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati, Dino Valter Mirabilio, ha sollecitato la riapertura dell‘istituto professionale statale Cuppari chiuso a gennaio. Già da febbraio studenti (69) e insegnanti hanno chiesto tempi certi per l’intervento di ripristino dell’agibilità e per il  risanamento dalle nevicate di gennaio per l’Agrario di Alanno, sede storica della sezione staccata di Villareia. 

Villareia istituto agrario chiusoSono 2 le lettere inviate dal presidente dell’albo. Una è stata indirizzata al sindaco di Cepagatti, Sirena Rapattoni, e l’altra alla preside dell’istituto, Maria Teresa Marsili, che dichiara di non voler accettare il finanziamento destinato all’Agrario. Scarsa manutenzione e promozione didattica per l’’istituto agrario professionale Cuppari, questo denuncia il presidente Mirabilio ed è così tanto il disinteresse per la struttura che, negli anni, si è registrato un calo degli iscritti. Il minimo storico 4 anni fa quando non si è formata la prima classe poi a gennaio la scuola è stata chiusa a causa del maltempo. Fatto è l’edificio non avrebbe problemi di natura strutturale, si tratterebbe solo di manutenzione. “Molte volte anche lei giustamente, signora Preside, sui giornali si lamentava di questo calo d’iscrizioni e del problema di riformare la prima classe – interviene il presidente dell’albo degli Agrotecnici rivolto alla dirigente –  Tralasciando gli aspetti strutturali, per cui questo ordine ha già sollecitato gli enti di competenza, vorremmo sapere quali sono le attività messe in campo per tutelare la scuola e risollevare le iscrizioni, prima e dopo la chiusura?”. Al sindaco il presidente dell’albo scrive: “Da 3 mesi la scuola è chiusa e gli alunni sono stati trasferiti temporaneamente nella sede dell’Agroalimentare, cosa che ha provocato disagi e lamentele di molti che vorrebbero giustamente tornare nella sede originaria scolastica – continua Mirabilio –  Rimaniamo sorpresi dal fatto che il Comune di Cepagatti, ad eccezione di pochi, non si è mai espresso, come se il problema non lo investisse. Si apprende che non vi sarebbero problemi strutturali, ma solo di manutenzione per cui basterebbero somme esigue per la riapertura. Le chiedo allora, signor Sindaco, quali sono le perizie a supporto della sua ordinanza di chiusura? Si è valutata attentamente la situazione? E quali sono le iniziative messe in campo a sostegno della scuola dopo l’ordinanza di chiusura?”. L’Albo degli Agrotecnici si è messo a disposizione per sostenere il futuro dell’istituto di Villareia.

mariatrozzi77@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: