Skip to content

Eseguita ordinanza di custodia cautelare per un rapinatore minorenne 

Pescara. Questa mattina i Carabinieri della Stazione di Pescara colli hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare presso l’istituto penale minorile di Casal del Marmo (Roma) nei confronti di un 17enne, straniero, per il reato di rapina. 

La misura è stata emessa dal giudice delle indagini preliminari del tribunale dei minorenni dell’Aquila, Cecilia Angrisano, su richiesta del procuratore della Repubblica, Roberto Polella. I fatti contestati al minore sono avvenuti del 17 aprile. In quel pomeriggio un coetaneo, che stava passeggiando sulla riviera Sud, veniva avvicinato dall’arrestato che a volto scoperto gli intimava la consegna del portafogli, minacciando di colpirlo con il casco. Il tono perentorio della richiesta non lasciava margini alla vittima che consegnava al baby rapinatore il portamonete, contente solo pochi euro. Ottenuto quanto richiesto, il minore si è allontanato dal luogo a bordo di uno scooter. La vittima ha trovato il coraggio di denunciare l’accaduto avviando così le indagini. Dalla descrizione e dal modus operandi i Carabinieri hanno idenrificato l’aggressore già noto alle forze dell’ordine per una serie di rapine sulla riviera Nord nei primi mesi del 2015, sempre a danno di giovanissimi e sempre commesse al fine di impossessarsi di portafogli e telefoni cellulari.

Il giovane straniero per le 3 rapine commesse era già trattenuto prima in  istituto e poi sottoposto alla misura della messa in prova, disposta dall’autorità giudiziaria. “L’arresto odierno conferma l’attenzione da parte dei militari dell’Arma a contrastare efficacemente fenomeni delinquenziali che vedono protagonisti giovani e giovanissimi che a volte, con scarsissima consapevolezza, si macchiano di gravi reati frequentemente consumati a danno di coetanei – spiega in una nota il maggiore Claudio  Scarponi, comandante della compagnia – Nonostante il rilievo penale delle condotte e la necessità di sanzionarle anche con misure significative, è dovere della società nel suo insieme partecipare al loro recupero poiché cambiare è sempre possibile e farlo in giovane età è più agevole”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: