Skip to content

Candidature in divisa: dalle Carceri Aquilane Ambiscono a fare politica 72 Baschi Blu

L’Aquila. Crisi delle vocazioni? Politica sempre a parte se le fila degli aspiranti consiglieri comunali e sindaci in divisa è in crescita esponenziale. Nelle liste elettorali, la parte del leone la gioca la Polizia penitenziaria e tra pochi giorni gli agenti entreranno in aspettativa elettorale retribuita. Numeri da capogiro in provincia dell’Aquila dove a candidarsi, per le amministrative dell’11 giugno, sono  almeno 72 baschi blu, 12 in più rispetto alle elezioni dello scorso anno.

Risultati Amministrative 2017

Giuramenti annuale 198° Polizia Penitenziaria Sulmona Report-age.com 2015

Foto Maria Trozzi

Il numero 48 ricorre ossessivamente in questa tornata, un segnale premonitore? Scompiglio e doppi turni per chi rimane negli istituti già provati dalle annose carenze di organico. Sono iscritti nelle liste elettorali 48 poliziotti di stanza al carcere di Sulmona, la bellezza di 8 agenti in più rispetto allo scorso anno, quando però la città dei confetti – rifiorita dal commissariamento – guardava fiduciosa alle imminenti amministrative nonostante una media ultra decennale di un sindaco nuovo ogni 2 anni di mandato. Ancora, le assenze per aspettativa elettorale, nel carcere dell’Aquila, aumentano di 4 unità rispetto allo scorso anno, un incremento giustificato dal fatto che nella città capoluogo si vota o da altro? Forse è la conseguenza dello stato in cui versano le carceri sovrappopolate di detenuti e con carenze di organico. Partiamo da non molto lontano, esattamente dai 60 candidati, operativi nei penitenziari di Sulmona (40) e L’Aquila (20) del 2016 iscritti nelle liste elettorali dei 29 Comuni che hanno rinnovato le cariche amministrative lo scorso anno. Oggi, in tutto, sono 72 aspiranti politici col basco blu e i comuni al voto sono appena 21, ossia 8 enti locali in meno della scorsa tornata elettorale. I grandi centri d’elezione di quest’anno sono il capoluogo di Regione, L’Aquila e Avezzano, alle urne per rinverdire le fila degli amministratori locali passa anche Pratola Peligna, questo però non giustifica un aumento di candidati in divisa quasi del 20%. Così le cifre tornano ad essere davvero spropositate per l’aspettativa garantita dall’art. 81 della legge 121/1981. Al San Nicola di Avezzano si sta bene, sembra, oggi e non solo un anno fa, ma già nel 2014 quando, nel mese dell’aspettativa elettorale, a lavorare erano tutti e 45 gli agenti, assegnati all’istituto del Fucino, nessuno di loro era candidato e nessuno sembra esserlo oggi. In questo mese non ci saranno traumi almeno in Marsica per gli oltre 60 detenuti ospitati, messo in conto che ad Avezzano si vota. Meglio non va all’Aquila, circa 190 agenti, dove nel carcere Le Costarelle si registrano altre 24 aspettative elettorali, 4 in più dello scorso anno, ma nel capoluogo si vota. Alle solite, Sulmona conferma il suo primato negativo, i poliziotti assegnati al carcere sono circa 262 e il penitenziario è di nuovo maglia nera con 48 candidati distribuiti nelle liste di Pratola e di altri comuni dell’entroterra abruzzese. Il dato è probabilmente legato alle condizioni di lavoro nel penitenziario sulmonese ad alta sicurezza. Più le carceri si affollano e meno agenti vi operano. Un lavoro davvero massacrante se l’età media è di quasi 48 anni (per gli agenti del solo carcere di Sulmona). Di nuovo il numero 48. Sarà forse il segnale che preannuncia una grande rivoluzione volta a convincere, al vertice, di rinfoltire le fila degli agenti o di modificare l’art. 81 della legge 121/1981 che impone al poliziotto di svestirsi dell’uniforme, nel periodo elettorale, per non condizionare l’elettorato? Manca la volontà di modificare un articoletto valido negli anni di piombo, oggi anacronistico. Gli agenti della Polizia Penitenziaria potrebbero lavorare e nello stesso tempo fare campagna elettorale senza divisa. Troppa fatica trattarli alla stregua degli altri candidati? Soprattutto, lo Stato ultra garantista dalla iper sensibilità normativa per il mondo carcerario è indifferente per un intervento normativo a favore di quelle vite che, con sacrificio e stipendi bassi, si spendono e si consumano per garantire e vigilare, ogni giorno, il recupero dei detenuti e la sicurezza nel Paese. Il dato ufficiale dei candidati della Polizia penitenziaria sarà diramato sabato prossimo, riusciremo a far cambiare idea a qualcuno o ci saranno novità ancora più eclatanti? Tutto con beneficio d’inventario allora perché fra 3 giorni avremo i dati ufficiali. Occorre un po’ di pazienza e di curiosità per conoscere poi i formidabili risultati elettorali di questi 72 agenti, provetti politici, alle prese con la campagna elettorale. Lo scorso anno, dei 40 candidati peligni presero zero voti 37 agenti del carcere di Sulmona candidati alle amministrative.

mariatrozzi77@gmail.com

Comuni dell’aquilano al voto

1Avezzano Link Google Maps
2.BALSORANO Google Maps
3Barrea Maps
4Campo di Giove Maps
5CAPORCIANO Maps
6Cappadocia Maps
7CIVITELLA ALFEDENA Maps
8Gioia dei Marsi Maps
9L’AQUILA Maps
10Lecce nei Marsi Maps
11LUCO DEI MARSI Maps
12Montereale Maps
13MORINO Maps
14Pescasseroli Maps
15PRATA D’ANSIDONIA Maps
16 Pratola Peligna Maps
17ROCCA DI MEZZO Maps
18Sant’Eusanio Forconese Maps
19SCOPPITO Maps
20Trasacco Maps
21 VILLAVALLELONGA Maps

 

Archivio

Dossier 2016. Record per le carceri aquilane: 60 agenti candidati in tutta la provincia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: