Skip to content

Fermati dai Carabinieri gli aggressori delle notti brave di Pescara 

Pescara. Dopo nemmeno un mese di articolate e serrate indagini dei Carabinieri è stata fatta piena luce sul brutale episodio di violenza che ha turbato la movida pescarese con riguardo all’aggressione a 2 giovani pescaresi di 24 e 21 anni da parte di un gruppo di ragazzi. 

Tutto parte la notte tra venerdì 24 e il 25 febbraio. Una sera come tante altre per i due in un locale di Pescara vecchia insieme ad un gruppo di amici. Nel locale affollato un ragazzo urta involontariamente una ragazza del gruppo e, complice forse l’alcol, ne nasce una discussione proseguita fuori dal locale. La questione sembra degenerare e, dopo uno scambio di aggressioni verbali, la situazione si normalizza. Ognuno si allontana per proprio conto. Sabato si consuma la vendetta. Le due ignare vittime trascorrono la serata in alcuni locali di Pescara Centro, nell’area del mercato, dove incontrano uno del gruppo che la sera prima ha discusso con loro. Si salutano, ma all’uscita dal locale e giunti all’altezza del parcheggio del bingo di viale Bovio, i due malcapitati vengono raggiunti da 4 individui che, parzialmente travisati, li aggrediscono con calci e pugni, utilizzando anche un bastone. Terminata l’azione fuggono in direzioni diverse. Le giovani vittime giungono in pessime condizioni all’ospedale di Pescara, accompagnate da un parente, vengono medicati e dimessi con prognosi di 10 e 7 giorni. 
Le attività dei militari dell’Arma si sono concluse dopo serrate indagini condotte attraverso l’esame di numerosissime testimonianze e dei tabulati telefonici. Denunciati per lesioni aggravate in concorso diversi ragazzi, uno di 24 anni e uno di 23 incensurati, 2 di Spoltore e 2 di Pescara che, a seguito delle univoche e concordanti evidenze investigative, hanno anche in parte confessato la loro partecipazione al disegno criminoso.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: