Skip to content

Piazza Tresca quasi riparata dopo la foto di Pasquale Di Toro. Tante le iniziative da sollecitare

Sulmona (Aq). Sabato, nel primo pomeriggio, con l’imprenditore Pasquale Di Toro su piazza Carlo Tresca abbiamo documentato, con qualche immagine, la mancata riparazione del danno provocato durante le forti nevicate di gennaio a pochi metri dal monumento dei Caduti. Il travertino in cui si nascondono i neon dell’illuminazione era stato praticamente sradicato a gennaio, ridotto a pezzi forse da qualche ruspa manovrata incautamente durante le operazioni di spazzamento della neve caduta copiosa sulla Patria di Ovidio. Dopo l’arrivo dell’imprenditore, miracolo, il danno è stato riparato.

Foto Trozzi report-age.com 2017

Pasquale Di Toro a piazza Carlo Tresca sabato 25.3.2017

Piazza Tresca (Fig. 2)

Di Toro è l’uomo che ha rimosso spontaneamente i cumuli di neve sporca attorno alla statua del poeta latino Ovidio, rimediando una multa per l’operazione di volontariato svolta. Contravvenzione che il sindaco Annamaria Casini ha promesso di coprire anche se sembra che ancora non abbia provveduto. L’imprenditore sabato si è prestato a qualche scatto per provare che i blocchi di travertino, nell’area del monumento dei Caduti, erano ancora ammassati a mo’ di costruzioni Lego sul plateatico, mancando la riparazione del danno segnalato la bellezza di 2 mesi fa. Tra curiosi e passanti qualcuno probabilmente è stato attento. Sarà un caso, ma stamane degli operai hanno quasi sistemato il danno per conto dell’amministrazione. Anche se la riparazione dei blocchi di travertino ad Ovest del monumento è stata un po’ troppo arrangiata (vedi Fig. 2). Sarà bastata la presenza del volenteroso e altruista sulmonese per convincere che non era il caso di rimediare un’altra brutta figura? O sarà la visita annunciata del presidente della Repubblica Sergio Mattarella che, in queste ore, spinge all’apertura di una serie di cantieri satelliti su strade e piazze per superare il disfacimento totale e rattoppare buche formate persino su arterie asfaltate appena prima di dicembre? In ogni caso, va riconosciuto all’imprenditore sulmonese il merito di aver dato il via ad una serie di iniziative che, sembra brutto dirlo, partono dal basso. Ad Abbateggio, in provincia di Pescara, sulla scia di Di Toro, i cittadini si sono rimboccati le maniche per rimettere in ordine il paese. L’imprenditore sulmonese ha fatto scuola non solo in casa, ma anche all’estero. Molte sono le iniziative di solidarietà partite appena dopo la sua proposta di autofinanziamento per lucidare la statua di Ovidio, una avviata persino da una ragazza originaria del Galles, nel Regno Unito. A fermare la raccolta fondi è stato però il Comune che, in una nota, ha fatto sapere che non mancano le disponibilità per restituire l’opera di Ettore Ferrari agli antichi splendori.

Di Toro alla statua di Tresca

C’è tanto altro da risistemare in questa città trasandata. Giusto per rimanere in tema, e solo a titolo di esempio, molte statue e monumenti a Sulmo non godono affatto di buona salute. Un po’ di decoro non guasta e Pasquale di Toro non ha perso tempo facendosi uno scatto al fianco di Carlo Tresca, all’ingresso della villa comunale sulmonese. La statua e il basamento sono in condizioni pietose, sudicie, il volto rappresentativo di colui che generò il sindacato ormai è di 3 colori: nero, bianco e verdastro. Un consiglio su tutti però va dato, occorre organizzare bene le cose da fare “Se un cittadino vuole fare un dono, la pubblica amministrazione lo pone nella condizione di farlo, gli va incontro, lo incoraggia e lo ringrazia” scrivono quelli di Diario di Bordo in un post su Facebook.  É necessario però stare attenti a truffe e raggiri, quindi prima di partire con un’iniziativa di volontariato o di parteciparvi è indispensabile sapere come, cosa fare per gestirle e chi c’è dietro all’impegno preso. Non ci si può affidare sempre all’improvvisazione e all’impulso perché si cammina in un campo minato. Multe e imbroglioni poi sono sempre in agguato.

mariatrozzi77@gmail.com

1 commento »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: