Skip to content

Volontari a raccolta per la pulizia della spiaggia del Fratino

Pescara. Domani, dalle 9.30 alle 13, i volontari dell’ambiente si rimboccheranno le maniche per la pulizia a mano del Parco naturale dell’ambiente della sabbia e delle dune di Pescara, l’area nei pressi della Madonnina nota come la spiaggia del fratino.

Area del fratino, base del ponte sul mare Pescara foto Trozzi Report-age.com 2016

Area nidificazione Fratino

Fratino Report-age.com 2015

Il fratino

L’iniziativa è organizzata dal WWF Chieti-Pescara, unitamente al Comune, alla Capitaneria di porto, Lega navale italiana sezione di Pescara, Comitato nazionale conservazione del Fratino, Centro studi cetacei, Liceo linguistico Guglielmo Marconi e associazione Paliurus. Appuntamento davanti al cancello, lato mare, della Lega navale per i volontari della Natura che vorranno partecipare alla mattinata di pulizia e salvaguardia delle dune. Nella stagione invernale, durante le mareggiate, il mare ci ha restituito ciò che noi incautamente abbiamo abbandonato. Pulire la spiaggia del Parco della sabbia e delle dune eliminando i rifiuti, si tratta soprattutto di plastica, permetterà di godere di una vista unico in un ambiente dove le piante psammofile, dalle più piccole alle più appariscenti, contribuiscono al consolidamento delle sabbie fornendo protezione alla flora retro-dunale. Sarà raccomandato di lasciare invece là dove si trova ogni frammento di legno che sgretolandosi costituirà materiale organico di nutrimento, mentre rami e tronchi rafforzeranno l’azione delle piante pioniere e faranno da barriera per trattenere le sabbie. Un’azione importante anche per permettere all’ospite d’onore, il Fratino, (Charadrius alexandrinus), di trovare un ambiente idoneo per la nidificazione.

Consigli. Per la pulizia: scarpe e indumenti comodi, cappellino, borraccia con acqua e guanti di protezione (tipo da giardinaggio). Si ricorda di seguire scrupolosamente le indicazioni degli organizzatori che in ogni caso declinano qualsiasi responsabilità per eventuali danni a cose e persone. Il materiale recuperato sarà avviato a raccolta differenziata a cura di Attiva che si ringrazia per la collaborazione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: