Rinfrescata alla statua di Ovidio? Non ci sono i soldi, ma ci pensa Di Toro

Sulmona (Aq). Lancia un’autotassazione per lucidare e rinfrescare la statua di Ovidio Nasone, realizzata da Ettore Ferrari 93 anni fa, che accusa i segni del tempo. É una spesa ripulirla includendo una risistemazione del basamento, perché di questo si tratta e se il Comune non ha nulla in cassa allora ci pensa lui, Pasqualino Di Toro. 

Aggiornamento

Pasquale Di Toro, il post su Facebook

Parliamo dell’imprenditore altruista che 2 mesi fa, in una città tristemente alle prese con i problemi del maltempo, ha rimosso da piazza XX Settembre, di sua spontanea volontà e senza chiedere, i cumuli sporchi di neve e di rifiuti attorno alla statua che giacevano dall’ultima operazione di spazzamento neve delle imprese impegnate e spesate dal Piano neve. Come premio per la sua buona azione, quella volta, Di Toro ha rimediato una multa salatissima perché per poter entrare in centro storico, con il mezzo pesante, avrebbe dovuto chiedere l’autorizzazione. Quando la notizia è finita su tutti i giornali il sindaco, Annamaria Casini, si è impegnato a pagargli la contravvenzione. Cosa accadrà questa volta se Di Toro annuncia di avere già un’idea di come far tornare agli antichi splendori l’opera di Ettore Ferrati, invitando gli imprenditori sulmonesi ad autotassarsi e coinvolgendo il mondo del volontariato cittadino? “Tutto si può, basta amare la nostra città” scrive l’imprenditore in un post su Facebook.  Le celebrazioni del Bimillenario della morte del poeta latino sono appena partite, ma nulla è al posto giusto. É un po’ come festeggiare un compleanno a casa propria senza fare pulizie. Occorrerebbe per tutti i monumenti in bronzo della città una lucidatina, mai fatta dalle amministrazioni comunali che si sono succedute nel corso dei secoli. Sistemare quanto basta almeno per non fare brutta figura con i tanti ospiti, tra questi il capo dello Stato Sergio Mattarella, che sono stati invitati e saranno in città per celebrare l’illustre concittadino che morì in esilio il 17 dopo Cristo a Tomi, Costanza in Romania. 

mariatrozzi77@gmail.com

Rinfrescata alla statua, i soldi ci sono oggi

Sulmona (Aq) 25.3.2017 “Non è vero che i fondi non ci sono – fa sapere in una nota il primo cittadino Annamaria Casini – Sono stati già definiti da tempo il budget, il programma e il tipo di intervento da eseguire al fine di effettuare un’operazione di pulizia per la statua di Ovidio in Piazza XX Settembre. Lavori, delicati e complessi, che partiranno, con molta probabilità, nella stagione estiva, con una durata di circa un mese e mezzo. Un progetto che era stato già messo in conto in vista del Bimillenario ovidiano, di concerto con la Soprintendenza Bsae d’Abruzzo, dato che si tratta di interventi che necessitano di persone qualificate ed esperte.  Una sinergia imprescindibile, che permette di portare a compimento l’iniziativa tesa a ridare lustro, dopo moltissimi anni, a un importante monumento per la nostra città proprio nell’anno in cui si celebrano i duemila anni della morte del Sommo Poeta – prosegue Casini – Siamo in contatto da tempo con i funzionari della Soprintendenza, con cui stiamo lavorando alla pianificazione del progetto. Non è stato possibile attuarlo in questi mesi in quanto è necessaria la bella stagione.  E’ curioso” continua il primo cittadino “che nessuno abbia fatto richiesta di informazioni al riguardo. Se mi avessero chiesto lumi sulla situazione avrei spiegato che le risorse sono a disposizione e che l’intervento sulla statua era stato già inserito nei programmi  per “Ovidio 2017” – conclude Casini  –  Ben venga la collaborazione da parte dei cittadini, i quali stanno manifestando interesse al riguardo spinti dall’amore per la propria città, volendo mettere in campo azioni per il bene comune. Credo fermamente che sia importante agire  in sinergia con l’Amministrazione comunale, in modo da poter dare vita a proposte e idee in maniera adeguata e proficua, nel solo interesse esclusivo della nostra città. Il Bimillenario” conclude il primo cittadino “è una buona opportunità per Sulmona e il territorio e ritengo che oggi debba essere il tempo non delle polemiche, ma delle celebrazioni e dell’unione delle forze con l’ottica di un rilancio turistico della nostra Sulmona”.

La statua di Ovidio di piazza XX Settembre di Ettore Ferrari e la massoneria

Una risposta a "Rinfrescata alla statua di Ovidio? Non ci sono i soldi, ma ci pensa Di Toro"

I commenti sono chiusi.