Skip to content

Discarica abusiva ad Antrosano di Avezzano, il WWF Abruzzo Montano chiede la bonifica

Avezzano (Aq). Una grave situazione di pericolo e degrado ad Antrosano, frazione di Avezzano, è stata segnalata dal WWF Abruzzo Montano. In un’area ben individuata dagli attivisti dell’associazione si accumulano ormai da tempo rifiuti speciali e pericolosi. L’associazione ambientalista ne chiede la bonifica, il problema non è più rinviabile.

Antrosano di Avezzano (Aq) discarica Report-age.com 2017

Antrosano di Avezzano (Aq) discarica segnalata dal WWF Abruzzo Montano Report-age.com 2017

Antrosano fogna Report-age.com 2017

“Purtroppo, al fascino del borgo vecchio della frazione avezzanese si contrappone l’incuria che domina sulla parte bassa del paese, abbandonata all’inciviltà di quanti sono abituati a calpestare le più elementari regole di convivenza civile – scrive in una nota Giuseppe Walter Delle Coste, presidente WWF Abruzzo Montano – La collina di Antrosano è un autentico tesoro naturalistico, grazie al mosaico di campi coltivati, frutteti, siepi, pascoli e boschi che a volte accolgono al loro interno sorgenti di acqua limpidissima che si disperde nella campagna sottostante. Qui cominciano i problemi. Questa campagna, infatti, è tagliata in dalla strada provinciale 125, un pericolosissimo rettilineo su cui gli autoveicoli sfrecciano tra le case a velocità proprie di un autodromo, a dispetto del limite fissato a 50 km/h. Scendendo da questa arteria verso l’autostrada A25, che scorre parallela a soli 300 metri di distanza, ci si inoltra in quella che pare una terra di nessuno nella quale trova spazio un’ampia discarica abusiva con lastre e serbatoi in cemento-amianto (Eternit), pneumatici, elettrodomestici, sanitari, materiali edili, inerti, rifiuti solidi urbani – conclude Delle Coste – Risalendo verso il paese, dopo aver attraversato nuovamente la provinciale, ci si imbatte in una fogna a cielo aperto che lascia scorrere acque maleodoranti lungo il margine del campo sportivo”. Il WWF Abruzzo Montano, nella sua segnalazione, ha chiesto agli enti competenti di attivarsi per una rapida risoluzione del problema non più rinviabile.

mariatrozzi77@gmail.com

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: