Skip to content

Transiberiana d’Italia: viaggi turistici dai numeri stratosferici

Numeri stratosferici sono quelli dei viaggi della Transiberiana d’Italia dello scorso anno documentati dal Report sulle ferrovie turistiche di Fondazione Fs.

Linea ferrovia Sulmona-Isernia, dal 2010-2011 priva di traffico, aperta all'esercizio regolare solo nell'ultimo brevissimo tratto molisano Carpinone-Isernia in quanto percorso dai treni della Campobasso-Isernia. Il tratto Sulmona-Carpinone è percorso da treni turistici e individuato da Fondazione FS a tale scopo nell'ambito del progetto "Binari Senza Tempo

Linea ferrovia Sulmona-Isernia, dal 2010-2011 priva di traffico ordinario, aperta all’esercizio regolare solo nell’ultimo brevissimo tratto molisano Carpinone-Isernia percorso dai treni della Campobasso-Isernia. Il tratto Sulmona-Carpinone è percorso da treni turistici grazie a Le Rotaie e Fondazione Fa nell’ambito del progetto Binari Senza Tempo

Anche nel 2016, dopo i risultati positivi e in costante crescita nei 2 anni precedenti, vengono registrati nuovi record in tutti i settori delle iniziative legate al turismo ferroviario promosse dalla Fondazione Fs. In Italia sono stati 60 mila i viaggiatori a bordo dei treni storici (+47% rispetto al 2015) e 230 gli eventi turistici (+39%). L’Abruzzo guadagna la testa assoluta della classifica dei passeggeri grazie alle 14 mila 374 presenze in 38 eventi sulla Sulmona-Carpinone. Si registrail 54% di aumento del numero di passeggeri rispetto al 2015, confermando il crescente successo della linea in chiave turistica. Il brillante risultato è stato ottenuto anche grazie alla collaborazione tra Le Rotaie, associazione di volontari e Fondazione Fs nei confronti dei quali il Comitato Sulmona stazione di Sulmona rivolge i più calorosi complimenti e ringraziamenti: “Il loro operato in questi anni sta portando frutti di altissimo valore, sia per la linea ormai dismessa al traffico ordinario, sia per l’apporto di turisti nella città di Sulmona e nei comuni interessati dai viaggi. Per Sulmona questi viaggi in treno finalmente si collocano accanto alla Settimana Santa e alla Giostra per capacità di attrazione turistica, garantendo apporti bisettimanali di circa 400 persone che vengono a conoscere il nostro territorio. La nostra offerta locale si rafforza così sempre più, andando a realizzare una trilogia di attrattive uniche e di rara bellezza. Ringraziando ancora quanti si adoperano per passione e amore di questa ferrovia invitiamo i cittadini della città di Ovidio ad avvicinasi sempre più verso questa nuova nascente attrattiva della  Transiberiana d’Italia.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: