Eliambulanza caduta a Campo Felice Foto Maria Trozzi Report-age.com 2017

Elicottero del 118 caduto a Campo Felice, le prime immagini

Lucoli (Aq) ore 12 Risulta disperso il personale medico e un ferito  (per un incidente su una motoslitta accorso a Ettore Palanca, 50 anni romano), in volo con l’elicottero del 118, un Aw augusta 139, operativo dopo le ore 11, di rientro per un recupero sugli impianti sciistici di Campo Felice. 

Foto Maria Trozzi

Aggiornamento 1 e 2 

25.1.2017 Decine dei cavalli abbandonati verso i rottami dell’eliambulanza

Eliambulanza caduta a Campo Felice Foto Maria Trozzi Report-age.com 2017
Eliambulanza caduta a Campo Felice Report-age.com 2017
Foto trozzi tutti i diritti riservati
Al centro l’elisoccorso

Aggiornamento delle ore 12.30 Le comunicazioni con l’eliambulanza sono interrotte dalle ore 12, dal pilota del mezzo è stato inviato un segnale di crash in una località impervia: Casamaina. La notizia è ufficiosa, si tratterebbe di 6 persone decedute, da recuperare a metà del monte Cefalone. Non è  possibile raggiungere il luogo per il momento, il mezzo è  finito sotto un vallone, una vertigine  di 500 metri. La turbina non aiuta, né lo spazzaneve, quelli del Soccorso Alpino proseguono a piedi con ciaspole e sci.

Soccorsi ore 14 Foto Trozzi

Aggiornamento ore 13 Sul posto il vice sindaco di Lucoli (Aq), Rossano Soldati, spiega la possibile causa dell’incidente: “Qui c’è nebbia fitta, non si riesce a vedere a distanza  di 10 metri“. É probabile che il pilota, per la fitta nebbia, non si sia accorto del roccione dinanzi l’aeromobile. La vetta di fronte al mezzo è quella di monte Cefalone. I soccorsi non ancora riescono a raggiungere  il punto impervio in cui il mezzo è caduto, di fronte la struttura della Vecchia miniera.

cavalli-verso-rottami-delleliambulanza-8-report-age-com-2017Aggiornamento delle ore 16 Stanno recuperando i 6 corpi finiti nel vallone, località Casamaina, sono giunti sul posto i soccorritori, dopo 4 ore di tentativi tra nebbia e neve in una località ripida che sembra davvero irraggiungibile. L’eliambulanza si è schiantata attorno alle ore 12. Il luogo in cui l’elicottero del 118 è caduto è impervio, difficile da raggiungere e i soccorritori hanno trovato grandi difficoltà per il recupero. Hanno proceduto con ciaspole e sci per raggiungere i corpi, recuperarli e trasportarli verso la strada. Le salme vengono trasportate nell’obitorio dell’ospedale San Salvatore dell’Aquila con delle ambulanze. Anche 2 gatti delle nevi sono serviti per l’intervento di recupero.

Le vittime. Walter Bucci, 57 anni, medico rianimatore del 118 dell’Aquila, del Soccorso alpino, che sino a ieri aiutava per i recuperi nell’albergo a Rigopiano, sommerso da una slavina. Davide De Carolis di 39 anni, tecnico dell’elisoccorso del Soccorso alpino e consigliere comunale di Santo Stefano di Sessanio (Aq). Giuseppe Serpetti, infermiere, Mario Matrella 42 anni, tecnico verricellista della società di aviazione Inaer, Gianmarco Zavoli, pilota. 

“Questo è il momento in cui un soccorritore muore dentro….sono finite le speranze…per molti di noi il 118 è una missione….oggi i nostri cuori piangono…..addio colleghi…” Una volontaria della Croce Rossa di Sulmona, A. D’A.

mariatrozzi77@gmail.com

Personale esperto. “Al momento purtroppo non sappiamo ancora le causa dell’incidente. Siamo molto provati, il personale di bordo era espertissimo e prudentissimo. Non riusciamo a immaginare cosa sia successo”. Lo ha detto il responsabile del 118 e dell’elisoccorso dell’Aquila, Gino Bianchi, in un’intervista a Tg2000, telegiornale di Tv2000, commentando l’incidente dell’elicottero del 118 caduto nell’aquilano. “Il nostro elicottero era impegnato in una missione di soccorso per un traumatizzato che si trovava sui campi da sci della stazione di Campo Felice – ha spiegato Bianchi – Il tutto è avvenuto poco prima delle ore 12. Il ferito aveva riportato un trauma agli arti inferiori e il soccorso poteva essere effettuato solo da un elicottero dotato di verricello”. “La squadra era composta dal pilota, dal tecnico verricellista, il tecnico del soccorso alpino, un medico e un infermiere – ha ricordato Bianchi – Dall’Aquila a Campo Felice in genere ci vogliono circa 10 minuti di tragitto in elicottero. Il paziente è stato soccorso e portato a bordo dell’elicottero. Subito dopo la centrale operativa del 118 ha ricevuto una telefonata da un utente che sosteneva di aver visto sopra la sua testa volare un elicottero, ma di aver sentito all’improvviso anche dei rumori. Da quel momento abbiamo cercato di prendere contatti sia via radio che via telefono, ma non abbiamo avuto mai risposta. Siccome il tragitto da Campo Felice all’ospedale dell’Aquila è poco più di 5 minuti, non vedendolo arrivare e sulla base di questa telefonata abbiamo attivato le operazioni di ricerca e soccorso”. (Fonte Italpress)

Protocolli di volo. L’equipaggio tipo di un’eliambulanza, del genere di quella caduta oggi nei pressi di Campo Felice, prevede la presenza a bordo di 5 o persone. Si tratta di o 2 piloti, di un tecnico di bordo che svolge anche funzioni di verricellista, di un medico rianimatore, di un infermiere e di un tecnico del soccorso alpino. L’ AW139 può volare con un solo pilota, l’elicottero del 118 caduto oggi in Abruzzo con un bilancio di 6 morti – è un aeromobile abilitato al volo anche con un solo pilota, a differenza di altri piiù grandi, i quali possono alzarsi in volo solo con la presenza a bordo di un pilota e di un copilota. Secondo prime informazione, sull’elicottero caduto intorno alle ore 12.15 di oggi, vi era un solo pilota. (Fonte Ansa)

Lutto cittadino nei giorni dei funerali. Il sindaco dell’Aquila, Massimo Cialente: “Esprimo, a nome dell’intera Municipalità aquilana, un incredulo dolore per l’assurda tragedia che vede 5 nostri operatori del 118, protagonisti di tante prove di generosità e professionalità, perdere la vita insieme con uno sciatore appena soccorso, ospite della nostra montagna”. É quanto ha dichiarato il sindaco dell’Aquila Massimo Cialente. “Una partecipazione commossa – ha proseguito il sindaco -un lutto che ci vede vicini ai familiari delle vittime e alla grande famiglia della Asl dell’Aquila. Il capoluogo d’Abruzzo osserverà il lutto cittadino nella giornata dell’estremo saluto e delle esequie delle vittime di questa tragedia”.

Le vittime. Sono state recuperate le salme delle sei persone che erano a bordo dell’elicottero del 118 precipitato a Campo Felice, nell’aquilano, poco dopo aver soccorso uno sciatore ferito. Era partito dall’aeroporto di Preturo dell’Aquila. Le vittime sono un medico e un infermiere del 118 dell’Aquila, il pilota, il copilota, che lavoravano per un’impresa a cui il 118 si appoggia per le operazioni di soccorso, un uomo del soccorso alpino, della provincia aquilana, e lo sciatore ferito, un 50enne di Roma. Sul posto sono intervenuti gli uomini del soccorso alpino, della Guardia di finanza, i Vigili del fuoco e i Carabinieri del comando provinciale dell’Aquila che indagano sulla tragedia. (Fonte Askanews)

Secondo le prime ricostruzioni l’elicottero è precipitato poco dopo aver soccorso lo sciatore ferito sulla pista di Campo Felice, che dista in linea d’aria circa due chilometri. Il velivolo un Aw augusta 139, è precipitato da un’altezza di circa 600 metri, in un canalone, una zona impervia, e avvolta in una fitta nebbia. Condizioni che hanno reso difficili anche le operazioni di soccorso e recupero dei corpi. I soccorritori sono infatti dovuti scendere con sci e ciaspole e hanno portato a valle le salme con slitte. Qui le salme sono state trasportate in ambulanza all’obitorio dell’Aquila. L’impatto è stato violento e la carlinga distrutta. Dei testimoni hanno riferito di un boato, che può anche essere stato quello del momento dello schianto. Sul posto, al momento dell’incidente, le condizioni atmosferiche non erano buone a causa di una fitta nebbia, si esclude al momento l’ipotesi dell’urto con un cavo, perché l’area è deserta e non risultano interruzioni di corrente. Sull’ipotesi guasto meccanico, si dovrà attendere il recupero e l’analisi delle scatole nere.

Il primo SOS: sentito botto “Volava basso e piano, c’era molta nebbia non si vedeva a pochi metri, seguiva la strada mentre andava verso la stazione di Campo Felice dal valico della Crocetta. Quando è tornato indietro ho prestato attenzione poi ho sentito un botto, un forte rumore, penso l’impatto con la montagna. Il motore ha  continuato a girare per un minuto poi non ho sentito più nulla. E ho chiamato subito il 118″. Questo il racconto di Loris Fucetola, istruttore di fondo, che ha dato l’allarme dopo lo schianto dell’elicottero.

I corpi delle 6 vittime Trasportati all’ospedale dell’obitorio dell’Aquila. Sono state recuperate le salme delle 6 persone che erano a bordo dell’elicottero del 118 precipitato a Campo Felice, nell’aquilano, poco dopo aver soccorso uno sciatore ferito. Era partito dall’aeroporto di Preturo dell’Aquila. Le vittime sono un medico e un infermiere del 118 dell’Aquila, il pilota, il copilota, che lavoravano per un’impresa a cui il 118 si appoggia per le operazioni di soccorso, un uomo del soccorso alpino, della provincia aquilana, e lo sciatore ferito, un 50enne di Roma.

Secondo le prime ricostruzioni l’elicottero è precipitato poco dopo aver soccorso lo sciatore ferito sulla pista di Campo Felice, che dista in linea d’aria circa 2 km. I soccorritori sono dovuti scendere con sci e ciaspole e hanno portato a valle le salme con slitte. Qui le salme sono state trasportate in ambulanza all’obitorio dell’Aquila. L’impatto è stato violento e la carlinga distrutta. Testimoni hanno riferito di un boato, che può anche essere stato quello del momento dello schianto. Si esclude al momento l’ipotesi dell’urto con un cavo, perché la zona è deserta e non risultano interruzioni di corrente. Sull’ipotesi guasto meccanico, si dovrà attendere il recupero e l’analisi delle scatole nere.

Elicottero precipitato, Lorenzin: dolore per i soccorritori 118 Dedicano la loro vita al servizio degli altri “Dolore per i soccorritori del #118 che dedicano la loro vita al servizio degli altri. Vicina alle famiglie”: lo scrive su twitter il ministro della salute Beatrice Lorenzin, in riferimento alla tragedia avvenuta vicino Campo Felice nell’aquilano, dove un elicottero del 118 impegnato nel soccorso ad un ferito sulle piste da sci, è precipitato in un canalone con sei persone a bordo.

Caduto elicottero: Grasso, vicino a familiari vittime “Ancora una notizia terribile in questi giorni. Sono vicino al dolore dei familiari dei piloti, dei medici e dello sciatore che erano sull’elicottero. Nelle ultime settimane, a causa del terremoto e del maltempo, i soccorritori hanno fatto sforzi straordinari, fino a mettere a rischio la propria vita, per dare aiuto in ogni circostanza. Siamo grati per il loro impegno e il loro sforzo”. Lo scrive il presidente del Senato, Pietro Grasso, su Facebook.

Caduto elicottero: D’Alfonso, prego per fine eventi luttuosi Apprendo costernato della tragedia occorsa a Campo Felice, nella quale è rimasto coinvolto un elicottero del 118. Esprimo il mio piu’ sentito cordoglio per le vittime di questa sciagura e prego affinche’ sia finita la sequela di eventi luttuosi che ha colpito l’Abruzzo.