Skip to content

Mario Amicone si è dimesso dall’Arta. L’agenzia per l’ambiente rischia la paralisi amministrativa

Il direttore generale dell’Agenzia regionale per la tutela ambientale, Mario Amicone, ha rassegnato al presidente della giunta regionale, Luciano D’Alfonso, le sue dimissioni, in anticipo di circa 2 mesi e mezzo sulla scadenza naturale del suo mandato. 

Aggiornamento

Mario Amicone

Nominato dalla giunta di centrodestra di Gianni Chiodi, con il cambio del governo regionale è decaduto dalla carica. É stato riconfermato da D’Alfonso e cosi è stato per ben 6 anni alla direzione dell’Agenzia regionale. In base alla legge istitutiva dell’Arta con le sue dimissioni decadono automaticamente e contestualmente il direttore tecnico, Giovanni Damiani,  e quello amministrativo Marco Cacciagrano. L’Arta pertanto, fino a quando non si insedierà il nuovo direttore generale, è senza vertici e se la situazione dovesse protrarsi rischia la paralisi amministrativa. Non essendo più in carica nessun vertice dell’agenzia Amicone non parteciperà, con ogni probabilità, all’assemblea programmata domani nell’aula consiliare di Bussi per presentare la relazione sulla situazione delle bonifiche del Sito di interesse nazionale (Sin) di Bussi sul Tirino, indetta dalla Commissione bicamerale d’inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali.

mariatrozzi77@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: