Skip to content

Mobilità sostenibile: 5 Comuni dell’aquilano uniti per partecipare al bando

Sulmona (Aq). Ciclisti, pedoni e ambientalisti dell’aquilano la buona notizia è per noi, presto 5 Comuni potranno disporre degli strumenti finanziari utili a incentivare la mobilità sostenibile partecipando al bando del ministero dell’ambiente con il progetto Città sostenibili all’ombra dei parchi. 

A suggellare l’unione sostenibile sono Avezzano, comune capofila del progetto e i Pratola Peligna, Sulmona, Celano , L’Aquila che firmano l’Accordo di programma per partecipare al bando nazionale Programma sperimentale nazionale di mobilità sostenibile casa–lavoro e casa–scuola appena pubblicato dal Mina.  L’intesa tra le 5 amministrazioni più grandi della provincia dell’Aquila ha come obiettivo la partecipazione al bando per attivare politiche di mobilità urbana alternative all’auto privata, per ridurre traffico e inquinamento agendo sugli spostamenti casa – scuola casa -lavoro. Il bando prevede agevolazioni per l’acquisto di beni materiali (auto elettriche, biciclette, ebike) per favorire l’uso di mezzi ecosostenibili e per l’attivazione di azioni formative e di comunicazione finalizzate a migliorare la mobilità urbana, favorendo soluzione sostenibili. Un passo avanti in Marsica dove si è costituito il comitato Mobilità sostenibile marsicana che ha partecipato all’incontro a palazzo di città degli amministratori firmatari dell’intesa.

“Siamo soddisfatti di questa sinergia tra i Comuni che permette di presentare un’unica progettazione finalizzata ad ottenere finanziamenti nazionali per favorire la mobilità sostenibile, in linea con il nostro programma di mandato” ha affermato il sindaco di Sulmona, Annamaria Casini. “Si tratta di un progetto sperimentale importante – ha aggiunto l’assessore comunale con delega all’ambiente e ai trasporti,  Alessandra Vella – Con la firma dell’accordo oggi abbiamo compiuto il primo passaggio condiviso per poter realizzare, una volta ottenuti i finanziamenti, strutture e sistemi tesi a favorire la mobilità ciclistica e pedonale, a incentivare l’utilizzo delle biciclette, come anche l’acquisto di bikesharing, formazione per gli enti e corsi di sensibilizzazione a politiche  di mobility management,  l’attivazione del piedibus, incentivi per l’acquisto di bike. Sono solo alcuni degli aspetti del progetto finalizzato all’abbattimento dell’inquinamento”. L’unione sostenibile dei 5 Comuni consente di proporre un progetto che raggiunga e coinvolga una popolazione superiore ai 100 mila abitanti, così come richiesto dal bando.

mariatrozzi77@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: