Skip to content

Droga: 4 arresti per spaccio in Marsica, tutti stranieri

Celano (Aq). Il coinquilino che urla in lingua araba per avvertire gli altri che c’è la Polizia sulle scale, la cocaina divisa in dosi sparse nell’appartamento e tanto, troppo denaro contante in casa tutto raccolto in una mazzetta. 

Più complicata del previsto, per i poliziotti della squadra mobile dell’Aquila e di Avezzano, l’esecuzione di ordinanze di custodia cautelare emesse dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Torino. Uno dei destinatari della misura, 26enne, è stato beccato a San Pelino di Avezzano (Aq). L’altro in un’abitazione di Celano in compagnia di amici, ieri sera. Gli stranieri, di origine magrebina, negli ultimi 2 anni sono stati pizzicati spesso a spacciare droga nel capoluogo piemontese e, sin troppo conosciuti da quelle parti, si sono trasferiti con tanto di attività in Abruzzo. Nel centro marsicano, durante l’esecuzione del provvedimento, gli agenti se la sono dovuta vedere con uno degli inquilini, del ricercato 36enne, che ha cercato di evitare l’ingresso in casa della squadra della polizia, gridando in lingua araba per avvertire i connazionali dell’imminente arrivo dei poliziotti. Nemmeno a dirlo, entrati nell’abitazione, il 36enne ha tentato la fuga dalla finestra, ma è stato subito bloccato da alcuni agenti che lo attendevano all’esterno. All’interno dell’alloggio sono stati trovati oltre 10 grammi di cocaina, divisa in dosi, la somma di 2 mila 500 euro in banconote di vario taglio, un bilancino di precisione e del materiale solitamente utilizzato per il confezionamento della roba. I coinquilini del 36enne, due giovani di 26 e 22 anni, sono stati arrestati in flagranza del reato di detenzione a fine di spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale. Presente in casa anche un altro ragazzo, 29enne di origini marocchine, denunciato in stato di libertà per gli stessi reati.

mariatrozzi77@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: