Skip to content

Fondi Ue per riduzione consumi per scuole, ospedali e municipi. Sostegni per 100 mila euro

Economia a bassa emissione di carbonio e riduzione di consumi di energia nelle strutture pubbliche, è l’obiettivo della Regione Abruzzo che con un nuovo provvedimento, approvato dalla giunta, incoraggia interventi di ristrutturazione di singoli edifici o complessi di edifici, d’installazione di sistemi intelligenti di telecontrollo, di regolazione, gestione, monitoraggio e ottimizzazione dei consumi energetici e delle emissioni inquinanti anche attraverso l’utilizzo di mix tecnologici.

“I principali destinatari dell’azione sono il settore ospedaliero, le sedi di amministrazioni pubbliche, i complessi museali e l’edilizia scolastica pubblica, per la maggior parte edifici realizzati prima del 1976 anno in cui è entrata in vigore la prima legge sul contenimento del consumo energetico degli edifici – Spiega il sottosegretario regionale con delega all’ambiente Mario Mazzocca – Per gli edifici scolastici oltre che perseguire il primario obiettivo della riduzione della produzione di carbonio, gli interventi da mettere in cantiere impatteranno in modo positivo anche sul contenimento della spesa e sul miglioramento del benessere degli alunni”. Nel prossimo avviso pubblico saranno previste premialità in favore dei Comuni montani, nonché di quelli che oltre alle obbligatorie forme di gestione associata di servizi abbiano avviato scelte volontarie di aggregazione. Nella delibera dell’esecutivo appena approvata, la misura del sostegno da assegnare a ciascun beneficiario non potrà superare l’importo di 100 mila euro“. Il provvedimento  rientra nella programmazione Por-Fesr 2014-2020 (Azione IV.1.1; approvazione linee d’indirizzo per l’emanazione del bando pubblico destinato alla promozione dell’eco-efficienza e riduzione di consumi di energia primaria negli edifici e nelle strutture pubbliche).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: