Skip to content

Tentativi di furto con arrampicate a Pratola, i cittadini: “Bisogna difenderci da soli”

Pratola Peligna (Aq). Non si ferma proprio l’ondata di furti nella cittadina peligna. Ieri l’altro e appena 24 ore dopo sono stati denunciati altri tentativi. A far scappare i ladri in arrampicata su un muro di un’abitazione, a Capo Le Capanne, ci hanno pensato i residenti. Il quartiere è lo stesso che da settembre viene visitato insistentemente dai ladri, proprio lì sono stati consumati diversi colpi in villette ed appartamenti, rubando anche delle auto.

Dei provetti scalatori, in salute e pieni di vita, ad assistere alle peripezie dei ladri sono stati in molti l’altro ieri pomeriggio. Nel quartiere da mesi non si sta tranquilli e non solo in piena notte, ma anche nel pomeriggio, appena si fa scuro. Alcuni residenti hanno persino individuato l’auto della banda, una mercedes nera in cui si sono precipitati 3 incappucciati scoperti mentre si arrampicavano su un muro di un’abitazione, verso le ore 18. Lanciato l’allarme, anche con qualche grido, i malviventi si sono dati alla fuga. Entrati in auto i 3 si sono tolti persino i cappucci e, sorpresa delle sorprese, è stato possibile capire che sono tutti giovanissimi uno ha la testa rasata, pelato, un altro dei furfanti è donna. Mentre scappavano hanno minacciato i residenti, naturalmente i pratolani non si sono fatti intimidire e per un pezzo, alcuni, hanno inseguito il veicolo nero a piedi. L’accento minaccioso non convince i testimoni, potrebbe trattarsi di gente dell’Est, forse romeni dicono. La replica ieri, stessa auto parcheggiata questa volta in via degli Appennini, più o meno alla stessa ora del tentato furto del giorno precedente. In 3 hanno tentato di entrare nell’abitazione di un dentista pratolano. Alcuni residenti hanno notato strani movimenti e vedendo l’auto nera parcheggiata non hanno avuto dubbi. Subito è scattato l’allarme, sono stati chiamati i carabinieri di Pratola. La reazione degli abitanti del quartiere è stata talmente efficace ed immediata che i malviventi si sono ridati alla fuga. “Dovremmo organizzarci noi cittadini. Tanto le istituzioni sono sorde. Siamo abbandonati” commenta G. L. e ancora dice sull’accaduto E. D. B.: “A breve bisogna iniziare a difenderci da soli perché le istituzioni si disinteressano di tutto”.

Un dettaglio. Una Mercedes nera è stata notata girare insistentemente, un mercoledì sera di qualche settimana fa, a Sulmona (Aq), nell’area industriale proprio in un periodo in cui non sono mancate denunce di furti. L’auto di grossa cilindrata girava in lungo e largo i vialoni deserti del nucleo, al confine con Pratola. Questo non più tardi delle ore 22, erano almeno 2 in auto in giro a quell’ora e non hanno lesinato una capatina in aree isolate e anche nei pressi delle poche aziende sulmonesi in funzione proprio durante il cambio di turno degli operai con qualche insistente passaggio nei pressi del defunto braccio ferroviario. 

Archivio

Ondata di furti a Pratola: ladri in azione per 2 notti consecutive


Energy di Maurizio Tarantino

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: