Agli arresti l’aggressore del minore, le prove lo inchiodano alle sue responsabilità 

Sulmona (Aq). Ieri pomeriggio la polizia di Sulmona ha dato esecuzione alla misura cautelare degli arresti domiciliari del 21enne pregiudicato responsabile dell’aggressione avvenuta ai danni di un 17enne, il 21 settembre, nei giardini sovrastanti il parcheggio di Santa Chiara.

L’aggressore ha reagito per una sigaretta negata colpendo sul volto il minore tanto da provocargli lesioni multiple alla mandibola con una prognosi complessiva superiore a 50 giorni. Con difficoltà, per la reticenza dei giovani testimoni presenti ai fatti, la polizia ha ricostruiti i fatti dell’aggressione. Per la modalità pretestuosa dell’avvicinamento dell’aggressore alla vittima, la brutalità e il carattere del tutto gratuito dell’aggressione perpetrata e la gravità delle lesioni procurate, nonché per la personalità del ventunenne, gravato da numerosi precedenti penali, il giudice per le indagini prelimi ari, Marco Billi, ha disposto la misura cautelare degli arresti domiciliari, ritenendo concreto e attuale il pericolo di una reiterazione di condotte analoghe a quelle poste in essere il 21 settembre scorso.

Archivio

Una denuncia per l’aggressione al parcheggio di Santa Chiara