Finti tecnici del Comune rubano in casa con la scusa di fare sopralluoghi per il sisma

Pescara. Si introducono in casa, anche nelle aree non terremotate, e con falsi tesserini del Comune dicono di dover fare dei sopralluoghi per verificare la solidità degli edifici e delle abitazioni, è una truffa.

 #sisma #occhioalletruffe

Sisma. Occhio alle truffe Report-age.com 2016

Truffe avviso del Comune di Pescara Report-age.com 2016Le segnalazioni interessano la provincia di Pescara, ma potrebbero passare ovunque questi falsi tecnici del comune che dicono di essere mandati per dei sopralluoghi negli stabili  Suonano a casa dicendo di dover procedere a delle verifiche nelle abitazioni, dicendo di dover controllare se ci sono crepe e cedimenti strutturali all’interno dell’appartamento dovuti all’ultima scossa di terremoto. Tutto falso, questi individui cercano solo di entrare in casa per rubare, non bisogna aprire. È il caso di informare e avvisare dell’ eventualità anche parenti, amici e anziani. L’amministrazione del capoluogo adriatico non ha preso alcuna iniziativa del genere e altrove i tecnici a disposizione sono tutti presi alle verifiche, quelle vere, su edifici pubblici, scuole e nei comuni del cratere. Se si presentono individui del genere, dinanzi al dubbio, è consigliabile far finta di non sentire e contattare le forze dell’ordine ai numeri 112 e 113, per segnalare la presenza di questi soggetti. Questa è l’ultima trovata dei truffatori, escogitata proprio in queste ore,  dopo la trovata delle telefonate dei finiti avvocati e dei falsi carabinieri che chiedevano soldi per la cauzione del parente arrestato. Una truffa che lo scorso inverno ha tartassato l’entroterra abruzzese, mettendo in difficoltà molte persone che, ritrovandosi e parlandone, hanno finalmente trovato il coraggio di superare l’imbarazzo e denunciare i ladri truffatori. Purtroppo c’è sempre qualche sciacallo che approfitta delle situazioni di emergenza, di anziani e famiglie in momenti delicati della vita del Paese, in particolar modo oggi in Centro Italia. Occorre evitare che questi sogetti possano continuare ad agire indisturbati e un ottimo contributo è quello avvisare le forze dell’ordine.

mariatrozzi77@gmail.com

Archivio

Contro truffe e raggiri i consigli dei Carabinieri della provincia