Orso a Popoli sulla statale: l’adeguamento della strada non prevede passaggi per fauna

Un altro orso è stato avvistato all’altezza della centrale dell’energia elettrica, all’ingresso di Popoli (Pe). A notare l’animale seduto su un’altura a mangiare un po’ d’erba sono state 4 giovani di Sulmona (Aq) che l’altro ieri raggiungevano Popoli per giocare a Burraco con degli amici della val Pescara.

Aggiornamento

Orso investito a Roccaraso il 18 ottobre 2016
Orso investito, Roccaraso il 18 ottobre 2016

Quello nei pressi della centrale Enel di Popoli è un altro importante corridoio ecologico, simile alla pineta di Roccaraso (Aq) percorsa, per l’ultima volta, dall’orso investito sulla statale 17 la mattina del 18 ottobre, mentre cercava di raggiungere la piana di Rivisondoli. Il plantigrado è morto dopo ore di agonia per la spina dorsale spezzata dall’impatto con un mezzo in transito. Qualche ora prima, stessa strada, un cervo è stato investito sul Piano delle 5 Miglia.  Indietro di pochi giorni per ricordare un altro incidente sulla statale incriminata, sempre quella, proprio all’altezza del cimitero di Pettorano sul Gizio (Aq) anche lì un altro cervo è stato preso in pieno da un’automobile completamente distrutta nell’impatto, lì c’è la riserva regionale Genzana Alto Gizio.

https://www.greenme.it/abitare/bioedilizia-e-bioarchitettura/8094-ponti-cavalcavia-animali-nel-mondo
Immagine Greenme.it

Mettiamola così, cosa accadrebbe se dalla camera da letto alla cucina dovessimo attraversare una statale a scorrimento veloce, dove sfrecciano tir di indiani e cowboy dall’acceleratore facile? Tantissimi sono gli incidenti stradali in prossimità dei passaggi faunistici, sarebbe il caso di censirli, riscoprirli,nella regione verde d’Europa, perché sono tagliati dalle strade, soprattutto quelle statali e bisogna intervenire per ripristinarli. Sono collegamenti indispensabili per gli animali che vanno messi in sicurezza per il bene di tutti. Gli interventi di adeguamento delle strade però non prevedono alcunché in Abruzzo che si onora di essere la regione dei parchi, 4 in tutto di cui 3 nazionali e uno regionali e una vasta quantità di riserve naturali. Nell’entroterra abruzzese la maggior parte delle strade statali e provinciali affettano in mille pezzi le aree protette. Quello all’ingresso della città di Popoli, dov’è stato avvistato l’orso, è uno dei corridoi storici d’Abruzzo. Un punto nevralgico al confine tra le province dell’Aquila e Pescara, è uno snodo importante di collegamento tra montagna, collina, città e mare, punto di passaggio non solo per l’uomo, ma anche per gli animali del Parco nazionale della Maiella e della Riserva naturale Sorgenti del Pescara.

Cervo investito statale 17 Report-age.com 2016Il collegamento tra queste aree protette è interrotto dalla statale 5 e dalla statale 17, in molti tratti mancano protezioni e guardrail. Il corridoio faunistico è completamente scoperto, non è affatto in sicurezza. Per automobilisti e animali che percorrono questi tronconi stradali e i tratti non c’è scampo perché i cervelli umani sono poco permeabili di fronte a questo problema e ve lo dimostriamo. Tra poco partiranno i lavori di adeguamento previsti sulla statale 5, dal bivio per Corfinio sino a Popoli. Il progetto d’intervento non prevede permeabilità per la fauna. L’Anas procederà presto alla risistemazione del tracciato, dalla rotatoria all’altezza di Corfinio sino al km 180, senza aver previsto il necessario per garantire un attraversamento sicuro agli animali ed evitare incidenti e problemi di viabilità in una statale piuttosto trafficata dove troppo spesso ci sono incidenti mortali, vittime e non parliamo solo di animali e carcasse di cinghiali, orsi, lupi, tassi e ricci le cui carcasse finiscono ai margini della carreggiata. La strage annunciata quest’anno su quelle strade non preoccupa l’ente. L’aut aut diretto agli amministratori locali induce a scegliere il male minore:  un adeguamento arrangiato per la viabilità stradale.

Giovanni Diamante Report-age.com 2015
Giovanni Diamante

Non per portare male, ma le gelate primaverili hanno bruciato tutto il cibo di cui hanno bisogno gli animali per prepararsi al letargo. Non c’è nulla da mangiare per loro che sono in cerca di . Prevenire i numerosi incidenti stradali annunciati in quest’anno nero per l’agricoltura e causati proprio dall’attraversamento degli animali non sembra passare nell’anticamera del cervello di chi dovrebbe occuparsene.

Nel progetto definitivo dell’intervento dell’Anas ss5 Tiburtina Valeria, tronco bivio per Corfinio-Popoli, lavori di adeguamento plano-altimetrico (tra i Km. 176+500 e 180+00) a cura dell’Anas (in variante rispetto al prg) sono stati limitati al massimo gli ingombri delle strade complanari, sono stati salvaguardati gli accessi esistenti ed è stata prevista l’illuminazione della rotatoria. “Manca qualcosa – Giovanni Diamante, attivista e ambientalista della prima ora, non si fa scrupoli a ricordarlo –  questo progetto di adeguamento dell’Anas purtroppo non tutela con appositi accorgimenti, come i sottopassi, la fauna locale”. Già assessore all’ambiente del comune di Popoli, Diamante ha ribadito questo concetto nel corso dell’assise civica del 29 luglio 2014 in cui il consiglio comunale popolese ha approvato l’intervento di adeguamento, lo definiscono così, della statale che attraversa il cuore verde d’Abruzzo.

mariatrozzi77@gmail.com

Report-age.com, blog sull’ambiente, ha avviato una campagna di sensibilizzazione al tema della sicurezza stradale soprattutto nelle aree protette, parchi e riserve d’Abruzzo, dove alla velocità delle auto si aggiunge il rischio dell’attraversamento improvviso degli animali in cerca di cibo sugli storici corridoi faunistici.
Quest’anno il problema si acuisce nella regione verde dei parchi perché le gelate primaverili hanno bruciato tutto il cibo necessario per prepararsi al letargo. Una miscela micidiale che alla velocità sostenuta, ai vizi dell’uomo e alla disattenzione aggiunge l’attraversamento di animali senza più passaggi sicuri, tagliati a pezzi dalla strade. I corridoi verdi vanno ripristinati.

Galleria immagini

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un pensiero riguardo “Orso a Popoli sulla statale: l’adeguamento della strada non prevede passaggi per fauna

I commenti sono chiusi.