Nuova geografia sanitaria per Sulmona, Castel di Sangro e Popoli proposta dai Comitati pro sanità

L’ospedale di Sulmona, in provincia dell’Aquila, come struttura sanitaria complessa, oltre il confine, in provincia di Pescara, il presidio di Popoli come ospedale di Pronto soccorso e Dipartimento regionale di riabilitazione, con reparti di degenza e per il nosocomio di Castel di Sangro (Aq) la nuova geografia sanitaria, disegnata ieri dai comitati dell’entroterra abruzzese, prevede un ospedale di area montana disagiata. 

Nuova geografia sanitaria per Sulmona, Castel di Sangro e Popoli proposta dai Comitati pro sanità Nuova geografia sanitaria per Sulmona, Castel di Sangro e Popoli proposta dai Comitati pro sanitàCon la proposta dei Comitati pro sanità Centro Abruzzo si inverte la rotta per le 3 comunità che si compattano e fanno numero contro quelle stesse disposizioni che sino ad oggi hanno considerato quei numeri per tagliare, mortificate e messe in minoranza i singoli presidi in valle Peligna, Alto Sangro e val Pescara. Considerando che un Dea (dipartimento emergenza-urgenza) di I livello raccoglie un bacino di 150 mila abitanti con almeno 45 mila accessi annui al pronto soccorso, l’unità che le 3 strutture potrebbero garantire è la soluzione tanto attesa alla cui elaborazione hanno purtroppo remato contro, sino a qualche tempo fa, individualismi e smanie di protagonismo locali. I 3 presidi dell’entroterra registrano insieme, per il pronto soccorso, circa 64 mila accessi ogni anno con una popolazione residente di 120 mila cittadini sul territorio servito. “Avere un ospedale di primo livello che è formato da 3 Poli ospedalieri crediamo che sia la soluzione alla politica sanitaria di questo territorio – dichiara Luigi La Civita, del comitato Mo’ Basta – Di positivo c’è che con l’uscita dal commissariamento il consiglio regionale si riappropria della discussione”. Non ultime le rassicurazioni dell’assessore alla sanità Silvio Paolucci che cancellerebbero l’ombra del depotenziamento del centro disturbi alimentari dell’ospedale di Popoli con lo smantellamento dell’unitàa operativa di Medicina.

mariatrozzi77@gmail.com