No doppio turno a scuola, genitori e figli in strada protestano a Pratola

Pratola Peligna (Aq). Fiaccolata di genitori e figli, dalla scuola di valle Madonna, per dire no al doppio turno di lezioni il pomeriggio nell’Istituto tecnico industriale. Ieri, dopo le ore 20, si sono trasformate in manifestazione di protesta le critiche alla decisione presa dal sindaco, Antonio De Crescentis, presidente della Provincia dell’Aquila. La scelta del doppio turno di lezioni nel plesso scolastico è seguita alla lettera di Luciano D’Alfonso in cui il presidente della Regione informa i primi cittadini dei Comuni in aree a rischio sismico che “La faglia di Amatrice è ancora attiva e potrebbe verificarsi una nuova scossa”. Risulta dalla relazione della Commissione grandi rischi inviata ai governatori di Abruzzo, Lazio, Umbria e Marche.

Archivio

Sicurezza per i piccoli studenti che con mamma e papà manifestano di sera dinanzi la scuola di valle Madonna. Il gruppo dice di esser vicino all’amministrazione comunale che però deve trovare una soluzione, così qualcuno riferisce al megafono. L’alternativa del doppio turno di lezioni, decisione temporanea – assicura il primo cittadino – per dare tranquillità e sicurezza ai piccoli alunni, non piace a molte famiglie pratolane. Sembra troppo scomoda per i genitori che sono scesi in strada per manifestare. “Bambini volete il pomeriggio a scuola?” domanda una voce squillante e i bambini in coro rispondono <Nooo>. Ancora dal megafono: “Bambini a scuola ci si va la mattina?” e i piccoli scandiscono il tempo <Siiiii>. È davvero difficile conciliare le due cose in valle Peligna.

Si ringrazia A. P. per il materiale gentilmente concesso

mariatrozzi77@gmail.com

Archivio

Scuole e sisma. Doppi turni a Pratola: scelta di massima prudenza anche a Introdacqua

Moduli scolastici provvisori a Pratola a prescindere dall’agibilità delle scuole


Una risposta a "No doppio turno a scuola, genitori e figli in strada protestano a Pratola"

I commenti sono chiusi.