Skip to content

La diocesi Sulmona Valva è salva. La Chiesa è più lungimirante della politica e delle amministrazioni

Quando rientra da Cracovia (Polonia), il vescovo Angelo Spina sembra disteso, ha grandi novità per i suoi sacerdoti che riunisce i primi di settembre, buone nuove per la comunità dei credenti della Diocesi di Sulmona Valva. 

Archivio

Spina D'Alfonso report-age.com 2016

Sullo sfondo a destra monsignor Spina, in primo piano il governatore d’Abruzzo D’Alfonso

Voci di corridoio dicono che non ci sarà più alcun accorpamento con la Diocesi di Avezzano, l’ipotesi di riduzione dei pastori al servizio di Dio sarebbe stata praticamente abbandonata. Spina da circa10 anni guida la diocesi e la prossima Estate potrebbero esserci grandi cambiamenti per il vescovo e le Comunità del Centro Italia. Sarebbe stata un’altra dura sconfitta per l’Entroterra abruzzese vedersi sottrarre anche la diocesi. Da indiscrezioni e fonti affidabili sembra che il pericolo sia scampato. I freddi numeri non hanno avuto la meglio, questa volta. Ragionevolezza e sensibilità di menti lungimiranti del mondo cattolico e cristiano vengono incontro alle esigenze di tanti territori abruzzesi martoriati da tagli e sforbiciate del governo nazionale e dell’amministrazione regionale. La stessa sensatezza mostrata dalla Chiesa non appartiene alla politica abruzzese che con caparbietà continua a mortificare le aree interne rimodellando servizi quali la sanità e la giustizia e abbandonando i territori alle scorrerie dei poteri forti che, per i loro interessi, regalano alle popolazioni elettrodotti, metanodotti e bretelle. La Chiesa no, non trascura nessuno e la Diocesi si porta avanti nella sua attività di sostegno, aiuto e assistenza là dove è indispensabile cambiare rotta per migliorare la vita di migliaia di persone, non solo poveri, che altrimenti faticherebbero il doppio a resistere e vivere. A dire no al taglio della diocesi inoltre è un migliaio di persone, circa, che solo a Sulmona e in pochissimi giorni firmano per chiedere che la Diocesi resti salda al suo posto. La petizione è organizzata dall’avvocato del Foro sulmonese, Lando Sciuba.

Nel 2014 la Diocesi di Sulmona Valva conta quasi 83 mila battezzati su 85 mila abitanti e la comunità guidata da Monsignor Angelo Spina rischia di essere assorbita dalla diocesi marsicana perché, secondo un vecchio progetto di riforma, il minimo per esistere come diocesi è 90 mila abitanti, questo per mantenere una così importante sede della Chiesa cattolica.

Vescovo Angelo Spina Report-age.com 2015La riforma che ridurrebbe i vescovi,  tutto nasce da un equivoco. Otto anni fa l’intenzione è ridurre il numero dei vescovi, ma il progetto è accantonato presto. L’idea torna non appena Jorge Mario Bergoglio sale al soglio pontificio. Una volta papa, Francesco incontra i vescovi e resta meravigliato: “Quanti siete!” sorride. I soliti benpensanti, in Vaticano, vogliono intercettare in quella esclamazione del papa la volontà di ridurre il numero degli episcopi. I cambiamenti desiderati davvero dal pontefice sono altri, non manca la trasparenza nell’amministrazione del patrimonio ecclesiastico, dei conti, dell’uso corretto dei capitali donati per la carità e il giro di vite sulla pedofilia. Quando viene riproposto il progetto del taglio dei vescovi però si alza un gran polverone ai vertici: ridurre le Diocesi sarebbe il colpo di grazia per intere comunità ridotte alla povertà a causa della crisi economica che imperversa ormai da 8 anni. Le diocesi non solo organizzano assistenza e aiuti di ogni genere, ma in molte realtà attraggono turisti e pellegrini grazie ad iniziative che offrono benefici e vantaggi per chi riceve e accoglie. La Chiesa ascolta i chiarimenti a margine del No alla Riforma che colpirebbe, in particolar modo, proprio i vescovi (d’Abruzzo e Molise) schierati dalla parte del Creato, dell’Ambiente, oggi sotto la guida di papa Francesco, impegnati da tempo contro le devastazioni ambientali. Ad essere maggiormente minacciati dalla riduzione sarebbero proprio i pastori che hanno preso ufficialmente posizione contro le trivelle in Adriatico, spesso sono intervenuti contro l’installazione di impianti che inquinano, piattaforme come il progetto Ombrina mare 2, smantellata nemmeno un mese fa grazie alla grande mobilitazione popolare. In prima linea, tra questi, c’è proprio il vescovo Spina che in uno dei suoi più recenti interventi, nella Riserva delle Sorgenti del Pescara, ha ribadito la sua ferma opposizione al progetto Rete adriatica e anche per questo è chiamato il vescovo ambientalista, amato e apprezzato dalla sua comunità, il suo No al metanodotto e alla centrale di spinta, che la Snam vorrebbe costruire a Sulmona, aggiunge una speranza di futuro e di vita per gli abruzzesi dell’Entroterra.

mariatrozzi77@gmail.com

Diocesi 90 mila abitanti Report-age.com 2016Storia. La Diocesi Sulmona Valva ha attraversato indenne secoli bui e tempestosi per la Chiesa Cattolica. Un tempo diocesi di Valva e Sulmona, se ne documenta l’esistenza già dal V secolo e si estende su 1.814 km². È suddivisa in 76 parrocchie che coprono 49 comuni abruzzesi: 43 in provincia dell’Aquila (valle Peligna), 4 in provincia di Chieti (Gamberale, Palena, Pizzoferrato e Quadri), 2 in provincia di Pescara (Popoli e Bussi sul Tirino). Queste parrocchie sono  raggruppate in distretti (foranìe): Sulmona, Introdacqua, Castel di Sangro, Corfinio e Popoli.. continua su Wikipedia

Archivio

Tutto sul vescovo di Sulmona Valva, Angelo Spina MonSignor Ambientalista

1 commento »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: