Sicurezza scuole. Rinviata apertura anno scolastico, appena dopo il sisma svolti gli esami di riparazione

Sulmona (Aq). Scuole a norma? Su 16 edifici solo 3 a Sulmona sarebbero a norma, ma in molte si stanno svolgendo, in queste settimane e a pochi giorni dal terremoto del Centro Italia, gli esami di riparazione. Non si contano più  le scosse di assestamento da quel 24 agosto eppure gli esami vanno avanti mentre sono in corso le verifiche sulle strutture.

Aggiornamento

Per ragioni di sicurezza e precauzione si rinvia l’apertura dell’anno scolastico a Sulmona per i più piccoli e questo per non mettere a rischio migliaia di studenti, il personale docente e per non fare agitare i genitori, ma anche per concludere i sopralluoghi nei plessi scolastici per verificarne agibilità e antisismicità.  Trovare soluzioni non è  facile, persino qualche nevrosi può servire per smuovere le acque. Il Comitato per la sicurezza nelle scuole, appena istituito, però dimentica i figli più svogliati, quelli rimandati a settembre che hanno cominciato a riparare le materie 6 giorni dopo la scossa del 24 agosto.

Gli esami di riparazione nelle scuole vanno avanti nonostante le scosse, le paure, le polemiche, le isterie collettive e il  rischio sismico. Domani gli indomiti e impavidi alunni devono riparare affronteranno gli orali, dopo aver fatto lo scritto e i test già dal 1 settembre. Per recuperare nelle materie in cui sono più incerti. Quel primo del mese nelle insicure (così pare) scuole di Sulmona, tra scosse e indifferenza, gli esami sono partiti e sono andati avanti, ad oltranza.  Il giorno della prima prova non era trascorsa nemmeno una settimana dal sisma del 24 agosto (Mw6,2) che ha colpito duramente le aree di Amatrice, Accumoli (Ri) e Arquata del Tronto (Ap). La direttiva per le scuole è stata disposta il giorno dopo e comunque nessuno ha pensato più di tanto ai rimandati a settembre e al personale scolastico con i professori già in aula. Ai giovani e ai loro genitori, ai professori, va la nostra solidarietà. Anche solo per questo meriterebbero un 6 politico questi studenti un po’ trascurati.

Comuni e Province abruzzesi hanno risposto a un bando della Regione Abruzzo sulla sicurezza sismica segnalando così all’ente le scuole su cui intervenire e la lista, in cui si contano 157 plessi scolastici abruzzesi da risistemare, è stata inviata al ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca che procederà a stanziare quanto necessario per gli interventi. 

Elenco scuole abruzzesi su cui intervenire

Provincia dell’Aquila: le scuole primarie di Campo di Giove,  Barrea, la media di Civitella Roveto e Barrea. Ancora, la primaria e la media di Scanno; la Primaria Radice-Cappuccini e la scuola dell’infanzia Don Bosco di Sulmona, la primaria di Canistro e anche la scuola dell’infanzia. La primaria e la media di San Vincenzo valle Roveto; la scuola dell’infanzia Leandro Barile di Lecce dei Marsi. La costruzione della scuola per l’infanzia Collodi di Avezzano, la nuova scuola primaria a Castel di Sangro, la media di Morino, l’istituto comprensivo Argoli di Tagliacozzo. La scuola media Ovidio di Sulmona, il liceo classico Cotugno dell’Aquila, la Primaria di Castellafiume. La scuola d’infanzia e la primaria di Villalag, la primaria di Massa D’Albe, la scuola d’infanzia e la primaria di Villavallelonga; l’istituto comprensivo Postiglione di Raiano, la primaria e la media di Pizzoli; la primaria e la media di Pescina; la scuola del’infanzia e la primaria di Roccaraso; la scuola dell’infanzia, la primaria e la media di Ateleta; il liceo scientifico Patini dell’Aquila; la primaria di Trasacco, la scuola dell’infanzia di Cerchio, il completamento dei nuovi edifici scolastici di Aielli e di Bugnara.

Provincia di Chieti: medie Michetti e Masci di Francavilla al Mare, la scuola dell’infanzia, la primaria e la .edia di Furci, la scuola dell’infanzia, la primaria e la ,edia di Cupello, la primaria e la media di Gessopalena, la media di Roccascalegna, la scuola dell’infanzia di Lentella, la scuola dell’infanzia di San Salvo, la primaria e la media di Villa Santa Maria, la primaria e la media di Fresagrandinaria, la scuola elementare e materna Cinalli di Atessa; la primaria e la media di Roccaspinalveti, la scuola dell’infanzia e la primaria di Villalfonsina, l’Istituto tecnico nautico di Ortona,la scuola dell’infanzia di Casoli, la scuola dell’infanzia di Fossacesia, la scuola dell’infanzia di Palmoli, la costruzione del nuovo polo scolastico di San Salvo, la scuola dell’infanzia e la primaria di Quadri, la primaria Nicolini di Tollo, la primaria di San Vito Chietino, la primaria Fosco di Mozzagrogna; la primaria e la media di Pizzoferrato, la scuola per l’infanzia di Poggiofiorito, la scuola per l’infanzia di Perano, la primaria e la media di Crecchio, la primaria di San Giovanni Teatino; la scuola dell’infanzia, la primaria e la media di Vacri, la primaria e la media di Fara Filiorum Petri, la primaria e la media di Tornareccio; la media di Miglianico, la scuola dell’infanzia e la primaria di Pollutri, la media di Torino di Sangro, la primaria e la media di Celenza sul Trigno; la primaria Martella di Vasto; la primaria Fattore di Santa Maria Imbaro, la scuola per l’infanzia di San Martino sulla Marrucina, la scuola per l’infanzia di Bucchianico; la primaria di Montenerodomo, la primaria di Bomba; la media di Frisa, la scuola per l’infanzia di Torrevecchia Teatina, l’Istituto alberghiero di Villa Santa Maria, la costruzione del nuovo polo scolastico di Monteodorisio, la Primaria e la Media di Ripa Teatina; la Media di Casalbordino; la primaria e la media di San Buono, la scuola dell’infanzia e la primaria di Casalanguida, la scuola dell’infanzia, la Primaria e la Media di Rocca San Giovanni; la Media di Fara San Martino; la scuola dell’infanzia, la Primaria e la Media di Castiglione Messer Marino; la scuola dell’infanzia di Casacanditella; la scuola dell’infanzia e la Primaria di Pretoro; la scuola dell’infanzia Santa Lucia di Vasto, l’Istituto Tecnico Commerciale Mattioli di Vasto; le scuole dell’infanzia San Giuseppe e Gran Sasso di Ortona, la scuola dell’infanzia D’Amico di Lanciano, la scuola dell’infanzia di Taranta Peligna, la scuola dell’infanzia e la primaria di Carunchio, la primaria di Ari, la costruzione della nuova scuola dell’infanzia e primaria di Treglio, la media di Scerni.

Provincia di Pescara: la scuola dell’infanzia, la primaria e la media di Popoli. L’Istituto tecnico commerciale Acerbo, l’Istituto Volta di Pescara, Liceo artistico Misticoni, la palestra della scuola dell’infanzia San Donato, la media Pascoli, la scuola dell’infanzia Lionni e la Primaria Cascella tutti di Pescara, la media Marconi di Manoppello, scuola dell’infanzia, la primaria e la media di Bolognano; la primaria San Panfilo di Penne, la primaria De Blasio di Montesilvano,  la primaria e la media di Caramanico Terme, la scuola dell’infanzia e la primaria di Alanno; la scuola dell’infanzia di Santa Teresa di Spoltore, la primaria di Lettomanoppello; la primaria e la media di Civitaquana, la scuola dell’infanzia di Roccamorice, la media di San Valentino, la scuola dell’infanzia di Picciano, la media di Scafa, la media di Torre de’ Passeri; la scuola d’infanzia Marinelli di Montesilvano, la scuola dell’infanzia di Pescosansonesco; la primaria e la media di Cappelle sul Tavo, la primaria di Collecorvino; la scuola dell’infanzia, la primaria e la ,edia di Catignano, la primaria di Civitella Casanova, la scuola dell’infanzia di Villa Celiera.

Provincia di Teramo: scuola media Ranalli di Nereto, la media di Basciano, la scuola dell’infanzia di Civitella del Tronto, la scuola dell’infanzia e la media di Bellante, la scuola dell’infanzia e la primaria di Atri; la scuola dell’infanzia e la primaria di Cortino; la primaria De Amicis di Giulianova; la primaria e la media di Torricella Sicura; la media di Sant’Omero, la media di Notaresco, la scuola dell’infanzia e la succursale della media Bindi di Giulianova, la scuola dell’infanzia, la primaria e la media di valle Castellana, l’Istituto tecnico industriale Cerulli di Giulianova, la palestra scolastica D’Annunzio di Campli, la media di Cellino Attanasio; la costruzione della nuova media di Castellalto, la scuola dell’infanzia di Corropoli; la primaria di Pineto, la costruzione della nuova scuola per l’infanzia di Pineto; la costruzione della nuova scuola per l’infanzia di Isola del Gran Sasso; la scuola dell’infanzia di Torano Nuovo; la scuola dell’infanzia di Tossicia; la scuola dell’infanzia di Castiglione Messer Raimondo; la scuola dell’infanzia e la Primaria di Colledara; la Media di Alba Adriatica; la Primaria e la Media di Morro d’Oro; edificio Bindi di Silvi, primaria Plesso Vecchio di Sant’Egidio alla Vibrata, Liceo classico Melchiorre Delfico di Teramo, completamento nuova scuola dell’infanzia di Teramo, media Cardelli di Mosciano Sant’Angelo, scuole dell’infanzia Miss Gioia e Gatto con gli stivali di Teramo, scuole dell’infanzia e primarie di Roseto degli Abruzzi. primaria e media di Controguerra.

mariatrozzi77@gmail.com