Sisma e scuole: a Sulmona su 16 solo 3 strutture a norma

Sulmona (Aq). Il Comune di Sulmona sceglie la strada dei Moduli ad uso scolastico provvisorio (Musp) da piazzare nell’area del Palasport di viale XXV per contrastare l’emergenza terremoto anche perché su 16 scuole cittadine solo 3 sarebbero a norma. Poticipata l’apertura dell’anno scolastico per le le scuole comunali dell’infanzia, le primarie e le secondarie di primo grado, il 18 settembre si rientra.

 Aggiornamento 1 e 2, Archivio
Dopo L’Aquila, Sulmona? Indagine sui terremoti dalle macerie storiche

Lo ha annunciato il sindaco Annamaria Casini, oggi, in una conferenza stampa, i moduli saranno installati su piazzale Di Bartolomeo. La richiesta dell’amministrazione Peligna alla Regione Abruzzo è stata formalizzata nell’incontro con il segretario regionale con delega alla protezione civile Mario Mazzocca e l’assessore regionale alle aree interne, Andrea Gerosolimo. Le verifiche disposte dagli uffici comunali su 16 strutture scolastiche cittadine avrebbero evidenziato che solo 3 istituti risulterebbero a norma per i requisiti antisismici con oltre 1200 gli alunni impegnati a studiare.  Domani pomeriggio, il sindaco incontrerà i dirigenti degli istituti scolastici per una verifica dello stato di ogni struttura. In alcuni istituti sono avviati da tempo i lavori di adeguamento sismico, ma il primo cittadino non ha esitato a definire problematica la situazione complessiva anche alla luce dell’avvio dell’anno scolastico, tanto da non escludere un possibile rinvio dell’apertura delle scuole. Chiesa di Torrone Report-age.com 2016Giovedì 8 settembre i primi cittadini dei territori a rischio sismico parteciperanno al vertice indetto dal presidente della Regione, Luciano D’Alfonso. In quella sede Casini non esclude di avanzare l’ipotesi radicale di rinnovare l’intero patrimonio edilizio scolastico adottando criteri antisismici, che prevedano la realizzazione di nuove costruzioni con materiale innovativo sullo stile giapponese o americano, mettendo da parte l’impiego di cemento armato.

In valle Peligna si è formato, in questi giorni, un Comitato di genitori per la sicurezza nelle scuole che sabato prossimo, alle ore 17, si riunirà nella chiesa di Torrone di Sulmona, per ulteriori informazioni clicca qui

mariatrozzi77@gmail.com

Prevenzione rischio sismico: l’elenco dei Comuni abruzzesi interessati

Bonifica amianto a Montereale: Comune del cratere

Montereale (Aq). Dopo un sopralluogo si procederà d’urgenza in queste ore alla bonifica dall’amianto dell’ex Fornace di Montereale. L’azione si è resa ancora più impellente dopo le recenti scosse di terremoto che hanno causato il cedimento delle strutture della Fornace (il secondo sito più inquinato d’Abruzzo, primo per estensione) fratturando ulteriormente le lastre di Eternit e rischiando di liberare sempre più fibre non solo a ridosso degli agglomerati di Capitignano e Montereale, ma a causa del vento in tutta la Valle dell’Aterno. E’ l’approdo concreto di una battaglia che porto avanti da anni, in particolare dal mio insediamento in Consiglio regionale, assieme al sindaco di Montereale Massimiliano Giorgi e all’assessore Carlo Marini, da sempre fortemente sensibile a questa vicenda. Ho denunciato più volte pubblicamente, e alle autorità competenti, il rischio di disastro sanitario derivante dalle caratteristiche del sito. La bonifica è stata decisa in una riunione al Comune di Montereale convocata assieme al sindaco Giorgi e al sottosegretario alla Protezione civile Mario Mazzocca e a cui hanno preso parte l’assessore Marini, il geometra Carlo Bonino, il manager della Asl L’Aquila/Avezzano/Sulmona Rinaldo Tordera e l’equipe del Dipartimento Prevenzione della Asl, con i dottori  Domenico Pompei e Guido Liris.