Incendio alla Pineta di Castel Di Ieri: task force regionale impegnata per spegnere le fiamme

Castel di Ieri (Aq). É stato spento alle prime luci dell’alba l’incendio, ora la conta dei danni, gran parte della pineta attorno a Castel di Ieri è andata in fumo.

Aggiornamento 30.8.2016

29.8.2016 Vigili del fuoco, Corpo forestale e Protezione civile impegnati in valle subequana, dalle ore 17.30 di oggi, per spegnere un incendio di notevoli dimensioni su monte Urano e se ne sta verificando l’origine. Ad essere colpita è una storica pineta di Castel di Ieri, sul versante di Goriano Sicoli (Aq) e in serata il vento spinge verso Goriano e in direzione Raiano. Diversi gli ettari di vegetazione minacciati dalle fiamme, a quanto sembra, nell’area pedemontana a ridosso di un importante Sito di interesse comunitario e al confine con il Parco regionale Sirente-Velino.

Aggiornamenti in corso

Terremoto Campo Abruzzo Protezione civile Report-age.com 2016La colonna di fumo violaceo, al crepuscolo, è ben visibile anche dalla valle Peligna. Il vento rende difficili le operazioni di spegnimento dell’incendio. L’area di Castel di Ieri è tornata a far parlare di sé, questi mesi, perché non molto distante dal paese dovrebbe realizzarsi un nuovo casello autostradale, prima individuato tra il paese e Castelvecchio Subequo. Poi sembra che qualcuno abbia suggerito di spostare il futuro casello autostradale verso Goriano Sicoli per non compromettere il Sic. Il progetto che lo prevede è quello delle varianti autostradali proposto da Strada dei parchi. “Un elicottero dei Vigili del fuoco si è alzato in volo è ha fatto ben 4 lanci per spegnere le fiamme, con l’oscurità le operazioni sono sospese. Si riprenderà alle prime luci dell’alba – dichiara il sottosegretario all’ambiente, con delega alla Protezione civile, Mario Mazzocca – Sono 2 le squadre dei Vigili del fuoco impegnate per monitorare e contenere il perimetro dell’incendio” Mazzocca in queste ore è presente nelle aree terremotate dell’aquilano, a Montereale, ma è costantemente aggiornato sugli sviluppi della situazione. Una delle 2 squadre intervenute per le operazioni di spegnimento è proprio quella dei vigili del fuoco di Sulmona (Aq). Questo pomeriggio i pompieri peligni sono stati indaffarati a spegnere diversi focolai anche in valle. Tra Pratola Peligna e Sulmona, all’altezza del locale la valle dei Re, vigili alle prese con diversi incendi sterpaglie e anche il vento, in questi casi, non perdona.

mariatrozzi77@gmail.com

Lotta agli incendi boschi interventi e stanziamenti della Giunta regionale

21 giugno 2016 Dichiarato lo stato di grave pericolosità di incendi boschivi dal 1 luglio al 15 settembre 2016 per l’intero territorio abruzzese e la giunta regionale investe complessivamente 370 mila euro per gli interventi. L’Esecutivo ha approvato il Programma delle attività di previsione e lotta attiva contro gli incendi boschivi’. Ha ribadito il divieto su aree a rischio incendio boschivo di accendere fuochi, usare apparecchi a fiamma o metalli per tagliare metalli, usare motori, fornelli e inceneritori che producano faville o brace, inoltrare autoveicoli dotati di marmitta catalitica oltre il ciglio della strada nei boschi o sui prati. Nelle discariche pubbliche o private è fatto obbligo di procedere alla ricopertura dei rifiuti con materiale inerte. In ogni caso, entro il limite di 200 metri dall?estremo margine del bosco è vietata dal 1 luglio al 15 settembre l’accensione dei boschi. “Alta è l’allerta della Protezione civile ? ha commentato il Sottosegretario con delega alla Protezione Civile, Mario Mazzocca. – Stiamo lavorando alla prevenzione e alle operazioni di pronto intervento per evitare danni, preservare la pubblica incolumità e tutelare il territorio della nostra bella regione. E’ importante il prezioso aiuto di tutti. Per questi motivi, anche quest’anno abbiamo deciso di avvalerci, per le attività di sorveglianza e di avvistamento nonché di lotta attiva agli incendi boschivi, di risorse, mezzi e personale sia del Corpo Forestale dello Stato che del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, predisponendo all?uopo uno specifico programma tecnico-operativo unitamente al concorso delle Organizzazioni di Volontariato, riconosciute secondo la vigente normativa. Per la detta attività, la Regione Abruzzo ha investito complessivamente 370mila euro, così ripartite: 190.000,00 euro per l’Accordo annuale di programma con il Corpo Forestale dello Stato e 180.000,00 euro per l’attuazione della Convenzione con il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco”. “Il presidio del territorio – ha concluso il Sottosegretario – è un deterrente fondamentale che ci permette di limitare i danni e intervenire prima che la piaga degli incendi lasci segni indelebili. Occorre sensibilizzare l’opinione pubblica nel fornire la massima collaborazione, con spiccato senso civico, nell’ambito dell’avvistamento e della sorveglianza”.

Un pensiero riguardo “Incendio alla Pineta di Castel Di Ieri: task force regionale impegnata per spegnere le fiamme

I commenti sono chiusi.