No della Regione alle estrazioni di gas a Bomba e raffineria a Paglieta

L’Aquila. Il Comitato di valutazione d’impatto ambientale della Regione boccia il progetto per l’estrazione di gas naturale a colle Santo, nei pressi del lago di Bomba. L’esecutivo regionale ha ratificato l’atto e lo invierà, entro il 29 agosto, al ministero dell’ambiente che sta avviando la procedura nazionale di valutazione d’impatto ambientale.

Aggiornamento 1 e 2, archivio 1  e  2

Dopo l’audizione di sindaci degli 11 comuni toccati dall’estrazione del gas e degli ambientalisti, in aula viene espresso un parere negativo all’unanimità dal Comitato regionale Via. Il progetto della Cmi energia presenta diverse carenze che vengono elencate: autorizzazioni, rispetto del principio di precauzione, dati sull’impatto idrico e in atmosfera dell’impianto. La Cmi energia, sulla scorta di un vecchi progetto della Forest oil, prevede la messa in produzione dei pozzi di Bomba (monte Pallano 1 e 2, la perforazione e completamento di 2 nuovi pozzi, monte Pallano 3 e 4 con l’eventuale perforazione di un ulteriore pozzo, monte Pallano 5) per l’estrazione di circa 2 miliardi di di gas. In più un metanodotto di 21 Km che attraverserebbe i comuni di Perano, Roccascalegna, Atessa, Pennadomo, Torricella Peligna, Colledimezzo, Altino, Villa Santa Maria e Archi. Il gasdotto collegherebbe i pozzi di Bomba a Paglieta dove è prevista l’installazione di una raffineria in cui bruciare 1400 tonnellate l’anno di idrocarburi liquidi oltre al gas.

Da una indagine risulta che dietro le pieghe del progetto, oggi bocciato, tornerebbe in gioco un’antica ambizione della Forest Oil di Denver che a Bomba ha tentato di costruire una raffineria, fortunatamente invano perché a difendere il territorio si è schierata, unita e compatta, tutta la comunità dell’area. Si sa, lupo perde il pelo ma non il vizio, così il personale della ditta petrolifera americana, fallita e defunta, sembra si sia riorganizzato sotto il nome di Avanti Energy che ha acquistata dalla Dove di Dubai la Compagnia mediterranea idrocarburi (Cmi) italiana sussidiaria italiana della Forest Oil.

mariatrozzi77@gmail.com

Archivio

Estrazione gas tra Bomba e Paglieta: troppi rischi 28.8.2016

Tutto sui progetti di Bomba

Bomba. Lo spettro della Forest Oil e dietro il nuovo progetto di estrazione anche Shell 6.7.2016