‘Coldiretti chiama alle armi contro fauna selvatica’ è allarme per le associazioni ambientaliste

Sono davvero preoccupate 5 associazioni nazionali, a tutela degli animali, per quella che definiscono una ‘chiamata alle armi’ della Coldiretti che prende di mira la fauna selvatica.

Sito ufficiale Enpa contro attacchi della Coldiretti a fauna selvatica Report-age.com 2016“Siamo molto preoccupati dal clima di crescente allarmismo alimentato dalla Coldiretti nei confronti degli animali selvatici nel nostro Paese” scrivono in un comunicato congiunto Enpa (Ente nazionale protezione animali), Lav (Lega Anti Vivisezione), Legambiente, Lipu (Lega italiana protezione uccelli) e Wwf che intervengono sulla campagna contro gli animali selvatici che porterebbe avanti la Confederazione nazionale coltivatori diretti. “Nel chiedere al governo di recuperare vecchi testi normativi che consentirebbero agli agricoltori di sparare agli animali selvatici, cinghiali in primis, a prescindere dal periodo di caccia, dalle regole vigenti sulla tutela della fauna e da quelle sulle armi, Coldiretti strumentalizza l’inerzia e la mala gestione faunistica degli Ambiti territoriali di caccia e delle Regioni e mette a rischio la normativa nazionale a tutela degli animali selvatici e la sicurezza dei cittadini che fruiscono della natura in boschi, campagne e agriturismi – proseguono le associazioni – Con questa chiamata alle armi, la Coldiretti peraltro sbaglia completamente bersaglio: non sono certo i lupi o i cinghiali i responsabili delle difficoltà del settore.

Dal sito ufficiale Coldiretti Report-age.com 2016
Gestione cinghiali, leggi dalla pagina ufficiale Coldiretti

Lupi, orsi, aquile, caprioli, tortore, storni, cinghiali, lepri o fagiani andrebbero ridotti a poche presenze, secondo il punto di vista di Coldiretti che, da circa due anni, con le sue richieste alimenta, consapevolmente o meno, l’aggressione contro la natura e il bracconaggio purtroppo ancora molto diffuso in Italia. La sua è un’idea di futuro che fa a cazzotti con le infinite evidenze scientifiche relative all’urgenza di tutelare un ambiente naturale sano per proteggere l’umanità stessa.

Anche con la crescente domanda di prodotti biologici, di sicurezza alimentare e di attività agricole che vedano, finalmente, anche nella ricca presenza di animali selvatici l’indicatore di salubrità degli habitat agricoli, allontanandosi definitivamente dal terrificante scenario di deserto di vita e di natura causato dall’agroindustria che già nel 1962 Rachel Carson descrisse nel suo libro Primavera silenziosa – concludono le 5 associazioni – Chiediamo alla Coldiretti di cambiare bersaglio e d’impegnarsi su ciò che davvero uccide la vita e l’agricoltura: i pesticidi. Al governo rivolgiamo invece la richiesta di impegnare tutti i suoi organismi per attivare finalmente efficienti controlli per la gestione faunistica, di Regioni ed enti, la cui inadeguatezza trova conferma nel numero di procedure d’infrazione e di nuovi casi Pilot (trattati con un sistema efficace per rispondere rapidamente alle denunce presentate da cittadini e imprese) avviati dalla Commissione europea in relazione all’applicazione in Italia delle direttive europee a tutela degli animali selvatici”.

mariatrozzi77@gmail.com