Sovranità chiede un incontro a Gerosolimo per chiarire la sua posizione sul progetto di Variante di Strada dei Parchi

Sulmona (Aq). “Non si può parlare di coesione territoriale quando alcuni paesi, come Vittorito e Castelvecchio, guardano solo al proprio piccolo interesse a danno di altri, manifestando la loro adesione al progetto di variante della società Strada dei Parchi che gestisce le autostrade A24 e A25 e solo perché 2 caselli autostradali sarebbero previsti a Vittorito e a Castelvecchio Subequeo” dichiara il coordinatore di Sovranità Sulmona Alberto Di Giandomenico a latere dell’incontro dei primi cittadini convocato dal Presidente della Provincia, Antonio De Crescentiis. Sulla questione Sovranità Sulmona chiede un incontro all’assessore regionale alle aree interne Andrea Gerosolimo. 

Alberto Di Giandomenico Report-age.com 2014
Alberto Di Giandomenico

“Come si fa a non capire che Sulmona può essere il Volano di tutto il territorio per quanto riguarda la ripresa economica lavoro, artigianato, industria, turismo e agricoltura e che gli altri paesi potranno beneficiarne – continua Di Giandomenico – Siamo contrari al progetto di Carlo Toto in quanto non riusciamo a comprenderne l’utilità: 6 miliardi di euro per 20 minuti in meno di viaggio. Incomprensibile è la volontà di isolamento nei nostri confronti che il presidente della Regione Abruzzo, Luciano D’ALFONSO, dovrà spiegarci. L’adeguamento sismico e di messa in sicurezza del tratto autostradale è progettato a scapito dei viadotti peligni, incluse le gallerie, di cui si prevede la demolizione perché sarebbe impossibile metterli a norma, mutilando così un tratto che però rientra tra le Opere strategiche per le finalità di protezione civile. Classificazione che per le autostrade A24 e A25 è stata determinata con Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 21.10.2013 – conclude il coordinatore di Sovranità Sulmona Di Giandomenico – Siamo d’accordo con il sindaco di Raiano, Marco Moca, di voler conoscere bene le carte del progetto e della vera utilità dello stesso. Per questo chiediamo un incontro con l’assessore Gerosolimo, al fine di comprendere quale sia la sua posizione nei confronti di questo territorio”.