Skip to content

Record per le carceri aquilane: 60 agenti candidati in tutta la provincia

Torretta del carcere foto Trozzi Report-age.com 2016Al guinness dei primati del carcere di Sulmona, 40 agenti candidati operativi in via Lamaccio (solo 2 anni e la città dei confetti torna al voto), fa eco il record della casa circondariale dell’Aquila in località Costarelle con 20 agenti della Penitenziaria candidati. 

Aggiornamento 1    2   e 3

Sulmona Carcere Report-age.com 2016I poliziotti delle carceri iscritti nelle liste elettorali sono 7 in più in Abruzzo rispetto alle amministrative del 2014 (121 candidati), in tutto sono 60 candidati agenti, operativi nei penitenziari del territorio aquilano, per 29 comuni che rinnovano le cariche amministrative comunali in provincia dell’Aquila. Nel capoluogo di regione però non si vota. Così a Teramo, a Castrogno sono 25 i poliziotti candidati su 165 agenti impegnati e circa 353 detenuti, ma solo 7 comuni della provincia sono alle prese con il voto del 5 giugno. Le cose vanno meglio in un altro istituto dove non c’è nemmeno l’ombra di un candidato agente. Accade nella piana del Fucino, in Marsica sempre nell’aquilano. Le ragioni andrebbero ricercate nel fatto che certi ambienti carcerari presentano condizioni di lavoro quasi accettabili. Nella Casa circondariale San Nicola  di Avezzano non si registra nemmeno una candidatura, dicono sia un’isola felice, con 45 agenti a guardia di 60 detenuti, totale fornito dal censimento 2014. Non appena si voterà nella città capoluogo della Marsica, si tornerà a riflettere sui dati del San Nicola che anche nelle elezioni del 2014 non contava alcun poliziotto candidato. Tra i 208 agenti del San Donato di Pescara appena 5 sono candidati in lista (278 il totale dei detenuti nel 2014) e come per l’Aquila (nel carcere aquilano sono circa 190 agenti, 164 i detenuti nel 2014) anche nel capoluogo adriatico non si rinnova il consiglio comunale, ma al voto in provincia di Pescara vanno appena 11 Comuni. I poliziotti impegnati per la campagna elettorale (dal giorno della presentazione delle liste) dovranno astenersi dallo svolgere attività lavorativa e saranno comunque retribuiti in questo mese, si chiama aspettativa elettorale retribuita quella garantita dall’art. 81 della legge 121/1981. Il calcolo ragionieristico dei candidati in divisa la dice lunga, in  provincia dell’Aquila, sul malessere degli operatori, soprattutto per chi dovrà reggere i prossimi turni nelle patrie galere. Il dato va letto, alla luce delle condizioni di lavoro degli agenti. È confermato che negli istituti di pena abruzzesi la situazione è drammatica, più le carceri si affollano meno agenti vi operano e l’età media si alza (47,6 anni per gli agenti del solo carcere di Sulmona). A Sulmona, tanto per dirne una, i poliziotti assegnati al carcere sono 262, ma gli effettivi sarebbero 32 in meno (a causa di malattie di lunga degenza ad esempio) e secondo la pianta organica determinata nel 2001, dal ministero della giustizia (quando nell’istituto erano ospitati gli internati), dovrebbero essere almeno 328 gli agenti per un totale di 320 detenuti nel 2010. Le decisioni calate dall’alto hanno avuto la meglio su tutti e oggi il numero degli agenti si riduce e i detenuti aumentano (501 secondo i dati del 2014 – vengono ospitati nella casa di reclusione di Sulmona una manciata di ex art. 21 – addetti al lavoro esterno – e il resto sono tutti As3 e As1 – ex 41 bis – detenuti alta sicurezza). Con il nuovo blocco in costruzione a via Lamaccio, in valle Peligna presto si aggiungeranno altri 200 detenuti. Sarà il caso di cominciare a pensare ad una comunità di recupero per agenti della penitenziaria se non sarà rafforzato l’organico. Non si scherza nemmeno all’Aquila. Insomma 2 penitenziari che scoppiano di detenuti e che sono perennemente sotto organico. Al San Nicola di Avezzano non si è candidato nemmeno un poliziotto, a Pescara solo 5 e dicono che, dopo l’avvento del direttore Franco Pettinelli, il malcontento si sia quasi azzerato sul carcere della costa e anche i permessi per malattia si sono ridotti al minimo. A Teramo, Castrogno include anche una sezione femminile, si parla di 25 candidati su 165 agenti di polizia penitenziaria. A Chieti niente amministrative, ma nel carcere sono una decina i candidati e sono ben 24 i Comuni sotto elezione. Aumentano nel penitenziario di Vasto con 25 agenti iscritti oggi nelle liste elettorali, in città si rinnova il consiglio comunale, nel 2014 erano 17 in meno, ma non si rinnovavano cariche pubbliche. A villa Stanazzo di Lanciano 3 sono i candidati poliziotti, ma non si vota il 5 giugno.

Piante organiche delle carceri abruzzesi

I dati del 2014 sul numero dei detenuti poco si discosta da quello attuale

L’Aquila (164 detenuti nel 2014) sono 190 agenti – 20 candidati, Sulmona (501 detenuti nel 2014) 262 agenti – 40 candidati, Avezzano (60 detenuti nel 2014) dei 45 agenti operativi candidati

Teramo (353 detenuti, dati 2014) sono 165 agenti – 25 candidati

Chieti (93 detenuti, dati 2014)  120 agenti – 10 candidati, Vasto (180 detenuti nel 2014 e appena 8 agenti candidati 2 anni fa) sono 145 agenti – 25 candidati, Lanciano (298 detenuti nel 2014146 agenti – 3 candidati

Pescara (278 detenuti nel 2014) 208 agenti 5 candidati

foto Trozzi

Mauro Nardella

La domanda sorge spontanea e la giriamo a chi, da tempo, cerca di migliorare la situazione nelle carceri abruzzesi sia dal punto di vista dell’organico che delle condizioni di lavoro dei colleghi e di vita dei detenuti su cui vigilano gli agenti.  “Premesso che quello di candidarsi è un diritto sancito dalla costituzione, il fatto che si mettano in lista molti appartenenti a forze di polizia potrebbe, ma nessuno lo potrà mai dimostrare, anche essere riconducibile a quel mese di aspettativa speciale retribuita riconosciuta esclusivamente alle forze armate – dichiara il vice regionale della UilPa penitenziari Mauro Nardella –  Agli altri agenti che, come me, l’attività politica la svolgono con passione da molti anni, 20 nel mio caso, si aggiungono molti altri che scelgono di candidarsi probabilmente per il fatto che con l’attività politica hanno il diritto di riavvicinarsi al luogo meno distante da quello di residenza. Fatto sta che ogni poliziotto ha il diritto di candidarsi come qualsiasi altro cittadino. Il problema è che gli stessi poliziotti, per fare campagna elettorale, fanno uso di un periodo di aspettativa retribuita di circa un mese. Ebbene, basterebbe fare quello che da diversi anni chiedo, cioè modificare l’art. 81, della legge 121/1981 che impone al poliziotto di svestirsi temporaneamente dell’uniforme, nel periodo elettorale, per evitare di condizionare l’elettorato. Il dettato legislativo poteva valere negli anni ’80, gli anni di piombo, ma non oggi. Si eviterebbe così che le 40 assenze, nell’organico già striminzito di Sulmona e determinate dalle candidature, mettano in ginocchio gli altri che lavorano e che in questo periodo non possono fruire di congedi ordinari e sono così costretti a turni ancor più massacranti. Senza considerare la demotivazione legata al mancato rinnovo contrattuale, fermo oramai al 2009. Di tale incresciosa situazione ne sentiremo parlare per molto tempo ancora – è convinto il sindacalista UilPa che prosegue – L’anno scorso avevo inoltrato una richiesta al Dipartimento amministrazione penitenziaria (Dap) perché desideravo rinunciare all’aspettativa speciale. Ho chiesto cioè di poter fare la mia campagna elettorale nel tempo libero. Il Dap ha ribadito, nella sua risposta, che non potevo effettuare nessun tipo di attività legata alla mia professione, durante il periodo pre-elettorale. Il problema riguarda tutte le forze di polizia – conclude Nardella – Da noi si avverte di più perché siamo raggruppati in contesti che vedono impegnati gruppi numerosi di persone (300 poliziotti penitenziari nel carcere di Sulmona a fronte di alcune decine ad esempio operanti nel Commissariato sempre di Sulmona). Per di più noi facciamo un lavoro insopprimibile nel senso che se mancano gli uomini non possiamo chiudere il carcere”.

mariatrozzi77@gmail.com

Archivio

Abruzzo. Candidati 121 Poliziotti della Penitenziaria e nelle carceri c’è carenza di organico 25.4.2014

1 commento »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: