Sversa rifiuti a San Marcello discarica appena sequestrata a Celano denunciato dai Forestali

Celano (Aq). Ad immortalare i 6 sversamenti di rifiuti nella discarica chiusa di San Marcello è stato l’impianto di sorveglianza messo a punto dal Corpo forestale dello Stato. Alcuni scarichi, con un autocarro, erano stati eseguiti prima del 28 gennaio, giorno in cui parte dei rifiuti della discarica ha preso fuoco. Ad incastrare lo scaricatore abusivo di rifiuti speciali sono state le fototrappole installate dai forestali, le uniche ad essere ancora operative nell’area, grande 20 volte il Colosseo romano, sequestrata la scorsa settimana dai Carabinieri del Noe di Pescara.  

Corpo forestale dello Stato Foto Trozzi Report-age.com 31.8.2014
Corpo forestale dello Stato Foto Trozzi

L’uomo è stato beccato proprio mentre scaricava con l’autocarro l’ennesimo cumulo di rifiuti speciali, pneumatici per l’esattezza, nell’immondezzaio che gli agenti della forestale tenevano sotto controllo. P. R. 45 anni celanese è un piccolo imprenditore, come tanti purtroppo è affezionato alla ex discarica di San Marcello a Celano, un tempo area di sbancamento per costruire il tratto di autostrada A25. Il Comune di Celano decise di riempire i buchi nel terreno autorizzando un immondezzaio. Negli anni ’70 la discarica misurava appena 25 ettari, cresciuti poi a dismisura sino a superare i 40 ha oggi. Da lunedì il sequestro dei terreni, mai destinati all’attività agricola in questi ultimi 50 anni, ha riportato in auge le singolari vicende dell’immondezzaio che qualcuno vorrebbe già ribattezzare terra dei fuochi, senza conoscere l’esito delle analisi dei campioni di terreno,  visto che ogni tanto la discarica brucia. Come il 28 gennaio quando una colonna di fumo ha preoccupato non poco le popolazioni antistanti l’area. Proprio allora sono partite le indagini del Cfs che hanno portato alla denuncia dell’imprenditore 45enne. A fine anni ’90 la discarica era diventata il quartier generale di una organizzazione criminale con agganci in alcune officine romane. Proprio a San Marcello si scaricava quanto rimaneva della demolizione delle auto rubate, dopo averle smontate per immettere nel mercato il vendibile. Con l’aiuto della tecnologia gli agenti Cfs hanno beccato il 45enne di Celano che è stato denunciato alla Procura di Avezzano per smaltimento abusivo di rifiuti.

mariatrozzi77@gmail.com

Le discariche dei santi con la roba che scotta

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.