Consumo di suolo ecco gli emendamenti al testo di legge da discutere alla Camera

E’ urgente dotare il Paese di una legge efficace sul consumo di suolo. Fai, Legambiente, Lipu, Slow food Italia, Touring club italiano e Wwf  chiedono che si approvi quanto prima una legge efficace in materia di consumo del suolo e rigenerazione urbana indicando i punti per migliorare il testo di legge che il prossimo mese dovrebbe essere votato nelle commissioni parlamentari per poi passare all’esame della camera dei deputati.

Le 6 associazioni hanno inviato un documento in cui propongono degli emendamenti migliorativi al nuovo testo unificato del disegno di legge Contenimento del consumo di suolo e riuso del suolo edificato proposto dai relatori Chiara Braga e Massimo Fiorio nell’ottobre 2015 nelle Commissione ambiente e agricoltura  unificate. Emendamenti che rispondono  all’esigenza di dotare il Paese di una normativa efficace e moderna, migliorando il testo all’esame della Camera, come richiesto anche dall’Osservatorio Nazionale sulla Qualità del Paesaggio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo con un proprio documento il 15 dicembre scorso, condiviso nella sua impostazione dalla Commissione Cultura della Camera dei Deputati. Le associazioni chiedono con i loro emendamenti ai parlamentari di attenersi ad un breve elenco di principi:

  1. evitare che le definizioni contenute nel provvedimento favoriscano nuovo consumo di suolo (a cominciare da quelle relative al consumo del suolo, alla superficie agricola naturale e seminaturale, alla impermeabilizzazione e alla area urbanizzata
  1. armonizzare il testo con i principi e criteri della Delega Appalti, che prevede il superamento del Programma delle infrastrutture strategiche attraverso un’attenta selezione delle opere
  1. rendere davvero efficace il censimento delle aree e degli edifici dismessi che deve diventare obbligatorio, in modo da spingere i Comuni al recupero e riqualificazione di edifici e aree dismesse piuttosto che consumare nuovi suoli
  1. migliorare la delega al Governo sulla rigenerazione urbana prevedendo un coordinamento e un’armonizzazione delle norme e procedure nazionali e regionali
  1. evitare il rischio di sub-urbanizzazione del territorio che potrebbe essere favorito dai cosiddetti Compendi agricoli neorurali periurbani (grazie a cambiamenti di destinazioni d’uso consentiti che favoriscono l’insediamento di attività improprieamministrative o turistico-ricettive) 
  1. fare in modo che il periodo transitorio per la piena applicazione della nuova legge non sia una sanatoria di tutte le previsioni anche solo enunciate (evitando che siano fatti salvi i piani urbanistici anche solo adottati e non approvati).

A Marzo è previsto il voto alla Camera dei deputati, poi a quella del Senato, dopo la sua approvazione nelle Commissioni riunite. Sul testo, le associazioni chiedono che vengano mantenuti e rafforzati gli aspetti innovativi del disegno di legge in discussione ora alla Camera: il suolo inteso come risorsa non rinnovabile e bene comune, il divieto di utilizzo degli oneri di urbanizzazione per la spesa corrente e di mutamento di destinazione d’uso per le superfici agricole che hanno beneficiato di aiuti dall’Unione europea, l’introduzione di obiettivi di tutela del suolo e di rigenerazione urbana, fino ad oggi ancora non presenti nel nostro ordinamento.

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.