10 anni di vessazioni e minacce alla madre e al fratello per soldi, sulmonese in carcere

Sulmona (Aq). Ieri pomeriggio, la Polizia di Stato ha eseguito, su disposizione del giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Sulmona, Marco Billi, la misura della custodia cautelare in carcere nei confronti di un giovane sulmonese, S. M. . L’uomo, disoccupato e con problemi di tossicodipendenza, si è reso responsabile dei reati di maltrattamenti in famiglia ed estorsione continuata nei confronti della madre e di minaccia aggravata nei confronti del fratello.

Polizia Report-age.com 2016Una madre esasperata da 10 anni di vessazioni e violenze e dalle continue richieste di soldi fatte dal figlio che, negli anni, ha contratto debiti per un totale di 17 mila euro che la donna ha dovuto estinguere. Il figlio si è appropriato, secondo quanto accertato dagli investigatori, di circa 14 mila euro derivanti dall’estinzione di una polizza assicurativa che la madre aveva stipulato a suo favore, rubandole persino i gioielli per rivenderli allo scopo di acquistare la droga. Le richieste alla madre erano continue e pressanti, accompagnate da minacce di violenze fisiche anche nei confronti del fratello. Il ragazzo si recava spesso sul luogo di lavoro della madre per indurla a consegnargli il denaro e la donna, per evitare problemi col datore di lavoro, finiva per cedere alle pressioni del figlio. In diverse occasioni la donna era stata costretta a chiedere l’intervento della Polizia. Le indagini della Squadra anticrimine, coordinata dal l’ispettore Daniele Lerario, hanno consentito di confermare quanto dichiarato dalla donna, anche grazie alle testimonianze di parenti, amici e conoscenti. Per la gravità dei fatti e il concreto ed evidente pericolo di reiterazione dei reati, anche in considerazione della tossicodipendenza dell’uomo, il pubblico ministero, Stefano Iafolla, che ha coordinato le indagini, ha richiesto la custodia cautelare in carcere, misura poi accolta dal gip. Il giovane è stato condotto presso la casa di reclusione di via Lamaccio.

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.