Meno furti ma più reati informatici e truffe nel 2015. I dati della Polizia a Sulmona

Sulmona (Aq). Diminuiscono i furti aumentano i reati informatici e soprattutto le truffe agli anziani. Sono questi i dati più importanti sui reati commessi nel 2015 a Sulmona e sulle operazioni di polizia svolte l’anno scorso dal Commissariato di via Sallustio guidato dal Vice Questore aggiunto Francesca La Chioma. Tra le più importanti operazioni dello scorso anno, un fatto ha rotto l’incanto di isola felice per la conca Peligna,  l’arresto del boss Francesco Mallardo, in libertà  vigilata e residente a Sulmona, che ha continuato a gestire il suo clan camorristico dalla citta Peligna, estendendo i suoi affari in Marsica e in valle. Dalle indagini, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli in collaborazione con la polizia di Sulmona e L’Aquila, sarebbe emerso che Mallardo, ai domiciliari per motivi di salute, aveva ripreso le redini del clan dando precise indicazioni agli affiliati anche da questo territorio.

La Squadra del Commissariato di via Sallustio (foto Trozzi)
La Squadra del Commissariato di via Sallustio guidato dal Vice Questore Francesca La Chioma (foto Trozzi)

In generale, si è registrato un calo dei reati commessi in città, passati da 673 nel 2014 a 660 quest’anno. In particolare dei furti, scesi da 205 a 178. Unica eccezione i reati informatici che hanno registrato un lieve incremento. Sono state denunciate 179 persone e 10 sono stati gli arresti.

Massimo Di Stefano Sost. Commissario respons. Ufficio controllo del territorio
Massimo Di Stefano Sost. Comm.  resp. Ufficio controllo del territorio

Incrementato il controllo del territorio, con 9138 persone identificate e 5 mila 637 veicoli controllati, con un aumento degli interventi delle Volanti, passati da 1767 a 2 mila 211. Sono aumentati i servizi straordinari di controllo del territorio, svolti sia in città che nei Comuni limitrofi, in totale 26, 10 dei quali sono stati svolti con le altre forze di Polizia presenti sul territorio. Anche i servizi di ordine pubblico sono aumentati (da 79 a 98) con un impiego complessivo di 441 operatori. Per quanto riguarda la Polizia amministrativa sono stati rilasciati 992 passaporti e 294 licenze di porto d’armi.

Antonio Casciato, Francesca La Chioma
Antonio Casciato, Ufficio immigrazione e amministrativo con la dirigente La Chioma

Numerosi sono stati i controlli amministrativi (34 le attività di commercio preziosi controllate, 15 i locali pubblici, 40 i detentori di armi), a seguito dei quali sono state contestate 17 violazioni amministrative e denunciate 8 persone. Per quanto concerne l’Immigrazione, sono stati rilasciati 62 permessi di soggiorno e rinnovati 187, mentre sono state 100 le richieste di carta di soggiorno. Le espulsioni dei cittadini stranieri non in regola con la normativa sul soggiorno sono diminuite, da 9 (2014) a 3 nel 2015, così come gli allontanamenti di cittadini comunitari, dal 2014 al 2015, si sono ridotti di 10 unità, da 17 a 7.

Romanelli e l'ispettore Capo anticrimine Daniele Lerario
Sostituto commissario Antonio Romanelli e Ispettore Capo Lerario

In conferenza con i dirigenti del Commissariato sono state ricordate le principali attività della Squadra anticrimine e di polizia giudiziaria dell’anno passato. Importantissimo l’arresto del boss Francesco Mallardo, in libertà  vigilata,  che ha continuato a gestire  il suo clan che ha sviluppato le sue attività criminali anche in Marsica e a Sulmona dove si era sistemato con tanto di residenza. La Polizia però lo ha tenuto sotto controllo anche nei suoi spostamenti in valle Peligna. Il boss della camorra è stato  arrestato dalla Squadra mobile di Napoli in collaborazione, nella fase delle indagini e dell’esecuzione del provvedimento, con la Squadra anticrimine di Sulmona, coordinati dalla Squadra mobile dell’Aquila. L’esecuzione della misura degli arresti domiciliari nei confronti di un 33enne, della provincia di Brindisi con residenza a Sulmona, pregiudicato, autore della rapina avvenuta nel pomeriggio del 2 gennaio presso il punto vendita Conad di via Postiglione e della tentata rapina avvenuta poco prima in una tabaccheria di viale Mazzini a Sulmona, a conclusione dell’indagine svolta congiuntamente dal Commissariato e dalla Compagnia dei Carabinieri di Sulmona. Ancora, il deferimento di 3 persone: 2 cittadini cinesi, moglie e marito, per i reati di esercizio di una casa di prostituzione e un 39enne italiano, marsicano, per il reato di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, dopo una complessa attività di investigazione su un centro massaggi cinese, attualmente chiuso, dove si esercitava la prostituzione.

Ispettore capo superiore anticrimine Lerario
Ispettore capo superiore anticrimine Lerario

L’esecuzione di 3 misure cautelari (2 arresti domiciliari e un obbligo di permanenza in casa) nei confronti di 3 giovani di etnia rom, 1 dei quali minorenne, responsabili delle aggressioni avvenute nella notte del 20 settembre nei confronti di 8 persone, lungo corso Ovidio. Infine, l’esecuzione di una misura di custodia cautelare in carcere nei confronti del responsabile dell’accoltellamento di un ventiduenne sulmonese, avvenuto nei pressi di un locale di Sulmona la notte del 7 novembre, denunciato per i reati di lesioni personali e minaccia aggravata, per porto abusivo di arma, con l’aggravante della recidiva specifica, e per il reato di rissa insieme ad altre tre persone, fra cui il ragazzo accoltellato.

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.