Questione Snam. I comitati chiedono a Renzi un incontro a Sulmona con De Vincenti

Sulmona (Aq). Chiedono al governo di aprirsi al dialogo e suggeriscono al premier Renzi di organizzare nella città dei confetti un confronto pubblico e di invitare all’incontro un autorevole rappresentante dell’esecutivo come il sottosegretario alla presidenza del consiglio Claudio de Vincenti. I comitati cittadini per l’ambiente di Sulmona hanno inviato una lettera con queste richieste al presidente del consiglio Matteo Renzi.

L’esperienza delle lettere inviate ai vertici non ha un grande successo a Sulmona, in passato hanno provato in tanti a farsi sentire per le vertenze peligne e in pochi sono riusciti a far recapitare le missive, si contano sulla punta delle dita di una mano quelli che hanno ricevuto risposta, ma non da questo governo, s’intende. Nonostante questo i comitati sulmonesi rispolverano il vecchio sistema della lettera e chiedono al governo di rispettare la Costituzione e di non adottare alcun atto che sia in contrasto con la volontà popolare ed istituzionale. Insomma, loro insistono e fanno bene  a chiedere che si attui quanto disposto nella Risoluzione della VIII Commissione ambiente della Camera che nel 2011 impegnava il governo nazionale ad organizzare un tavolo per decidere l’alternativa al tracciato del metanodotto Rete adriatica che, nel progetto attuale, attraversa area a rischio sismico di prima categoria. I comitati, inoltre, chiedono al governo di organizzare a Sulmona un confronto pubblico che veda la partecipazione di un autorevole rappresentante del Governo, come il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti.

La lettera

(formato pdf)

Oggetto : Centrale  Snam a Sulmona e metanodotto “Rete Adriatica”

Sig. Presidente,

dalla corrispondenza intercorsa a fine dicembre con la Regione Abruzzo, si evince che il Governo è fermamente intenzionato ad autorizzare la costruzione della centrale Snam a Sulmona, funzionale al metanodotto “Rete Adriatica”.

Avvertiamo l’obbligo di farLe presente che tale decisione sarebbe lesiva dei principi costituzionali che sono alla base del nostro Stato democratico.

La Costituzione, infatti, attribuisce la sovranità al popolo, che la esercita attraverso i propri rappresentanti liberamente eletti; e i rappresentanti del popolo a tutti i livelli  – dal Comune fino al Parlamento – hanno espresso la propria contrarietà all’opera progettata dalla Snam.  In particolare la Commissione Ambiente della Camera dei Deputati, con una risoluzione approvata alla unanimità il 26 ottobre 2011, ha impegnato il Governo a disporre la modifica del tracciato, escludendo la fascia appenninica, e ad istituire uno specifico tavolo tecnico istituzionale per la individuazione di soluzioni alternative.

Il 17 dicembre scorso, con una lettera a Lei consegnata, 14 Parlamentari sia di maggioranza che di opposizione hanno ribadito la contrarietà al progetto Snam sollecitandoLa a dare attuazione alla volontà del Parlamento, finora disattesa.

Il dissenso sull’opera, oltre che dalle Istituzioni, è stato ripetutamente espresso anche dalle varie componenti della società civile e dai rappresentanti più autorevoli della nostra comunità.  Alcuni giorni fa, al riguardo, è tornato a levare la propria voce il Vescovo di Sulmona Valva, Monsignor Angelo Spina, il quale ha ribadito  “il no chiaro e fermo al metanodotto Snam e alla centrale in località Case Pente a Sulmona”. Il Vescovo ha proseguito affermando : “I cittadini hanno fatto sentire la loro voce corale e decisa, gli enti preposti si sono pronunciati per il no, motivando punto per punto le ragioni del no. In un Paese democratico i cittadini vanno ascoltati, come pure vanno tenute presenti le delibere degli enti, nulla deve essere anteposto al bene comune dei cittadini”.

Ci aspettiamo, pertanto, che Lei, nel pieno rispetto della nostra Costituzione, non adotti alcun provvedimento che sia in contrasto con la volontà popolare  ed istituzionale e dia, invece, attuazione a quanto deciso in merito dal massimo organo elettivo, il Parlamento.

Convinti, altresì, che solo attraverso il  confronto democratico  può essere perseguito il bene comune, siamo a chiederLe di voler programmare, per i prossimi giorni, un incontro pubblico tra tutti i soggetti interessati, da tenersi qui a Sulmona e che veda la partecipazione di un autorevole rappresentante del Governo, come il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Claudio De Vincenti.

Nell’attesa di una cortese risposta,  inviamo i nostri migliori saluti.

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.