Indagine epidemiologica per Bussi e Popoli i timori sugli operai del Polo chimico confermati

Pescara. Un’anticipazione dell’indagine epidemiologica eseguita, su richiesta ufficiale del Comune di Popoli, conferma i timori covati, per anni, sul Polo chimico di Bussi, in provincia di Pescara.

Operai a rischio e già malati, è pur vero che l’85% dei lavoratori del Polo chimico di Bussi sono fumatori. Il fumo, è acclarato, costituisce un potenziante per le malattie oncologiche soprattutto se si è a contatto con sostanze tossiche per questioni lavorative. Il dato però resta ed è inquietante. L’unico Comune a poterlo verificare è Popoli, per il momento. Dalle altre amministrazioni abruzzesi non sembra essere arrivata alcuna richiesta d’indagine all’equipe messa a punto per il registro dei tumori. Da indiscrezioni sembra proprio confermato che gli operatori dell’industria chimica di Bussi abbiano malattie legate alla contaminazione del sito. A condurre la prima indagine epidemiologica sulle aree del Sito d’interesse nazionale per la bonifica di Bussi, conclusa da poco, è il commissario dell’Agenzia sanitaria regionale (Asr) Alfonso Mascitelli. I dati sono quelli raccolti in un arco temporale che dal 2004 si chiude il 2013. L’indagine rientra nelle attività previste con l’attivazione del Registro tumori regionale che, in attuazione del Decreto n. 163/2014, è stato approvato a dicembre di quello stesso anno dal Commissario ad acta Luciano D’Alfonso. Il Registro è considerato un importante strumento di analisi epidemiologica e di programmazione per l’Abruzzo, da tempo operativo in Veneto, in Umbria, nelle Marche e in Toscana.

A questo punto, la speranza è che vengano presto resi noti gli esiti dell’indagine richiesta da Popoli dopo l’allarme lanciato con un’indagine dell’Agenzia regionale che tra il 2004 e il 2013 aveva evidenziato l’incidenza delle malattie oncologiche partendo dai ricoveri ospedalieri. Studio che andava approfondito. Gli amministratori del comune della val Pescara criticarono non poco gli esiti che metevano in evidenza l’incredibile incidenza di tumori tra le popolazioni che si raccolgono attorno al polo chimico e chiesero al commissario dell’Asr di procedere ad un’indagine davvero accurata indicando persino dati ed elementi d’indagine da cercare. Un motivo in più perché si metta finalmente mano alla bonifica del sito, con un risanamento ambientale che non miri ad occultare quanto già inquinato con qualche ‘solettona’ spacciata per intervento risolutivo. Indispensabile è la bonifica per chi punta ad una riqualificazione industriale che tenga in piena sicurezza i lavoratiri del sito.

Sunto indagine Asr del 2014

Stralcio documento incidenza Tumori dell' Agenzia sanitaria regionale
Stralcio documento  su incidenza tumori Asr

Ad ottobre 2014 uno studio sui tumori dell’Agenzia sanitaria regionale preoccupò gran parte della popolazione abruzzese che presentando tabelle e una mappa del territorio evidenziò l’incidenza dei tumori maligni, dal 2004 al 2013, attraverso le schede per le dimissioni ospedaliere (Sdo). Un semplice punto di partenza per avviare alla nascita del Registro dei tumori che molti però considerarono alla stregua di un comandamento o di una condanna. Proprio per questa ragione il comune di Popoli richiese un’indagine pi accurata e dettagliata sulla situazione e la salute delle popolazioni delle aree del Sito di interesse nazionale per la bonifica di Bussi. Per gli altri comuni contaminati e con Sin da gestire non c’è luce e non si sono prodotte ancora analisi.

Nel 2014 e per  la prima volte sono state evidenziate le incidenze dei tumori anche su località sensibili e negli 11 comuni della val Pescara (Alanno, Bolognano, Bussi sul Tirino, Castiglione a Casauria, Manoppello, Popoli, Scafa, Tocco da Casauria, Torre de’ Passeri, Turrivalignani) che rientrano nel Sito d’interesse nazionale per la bonifica, Sin Bussi, collegati alla vicenda della discarica dei veleni più grande d’Europa. La val Pescara si raccoglie nell’area industriale che a Nord del comune di Chieti e nella porzione occidentale del capoluogo adriatico coincide con la valle in cui scorre il fiume Pescara. Dai dati dei ricoveri per malattie oncologiche, nel decennio considerato, i casi di tumore sono oltre la media regionale (pari a 100), a Bussi sul Tirino e a Popoli che, sempre in provincia di Pescara, registrano rispettivamente 117 e 110 casi. E’ alta l’incidenza anche per il litorale dell’area metropolitana di Pescara con i comuni di Montesilvano, Pescara, Francavilla al Mare, Spoltore. Dunque su mille abruzzesi, 5,99 residenti in Abruzzo hanno avuto, ogni anno secondo l’Agenzia sanitaria regionale, un ricovero ospedaliero con diagnosi di tumore maligno. Su una popolazione media di 1 milione 334 mila 678 abitanti, hanno avuto almeno un nuovo ricovero ospedaliero con diagnosi di cancro nei 10 anni considerati 79 mila 896 residenti. Per i tassi di incidenza, si rivela che nel comune di Tossicia (69 ricoveri per malattia oncologiche) ci si ammala al 31% in meno rispetto ai comuni di Collarmele e Aielli (133) pari al 33% in più della media regionale. Altre aree ad incidenza elevata sono il comune dell’Aquila ed il vicino comune di Rocca di Mezzo e una parte cospicua della Comunità montana (Carsoli, Oricola) e della Marsica: Avezzano, Celano, Aielli, Cerchio, Collarmele, Lecce dei Marsi. Peraltro, anche i comuni di Luco dei Marsi e San Benedetto, nell’entroterra marsicano, hanno mostrato un valore di incidenza elevato, pari a 111.

Approfondimento

Questione di chimica. Trip a Bussi Officine nella discarica dei veleni più grande d’Europa 27.03.2015

Discarica Bussi. Dopo l’era Goio indagini sull’inquinamento del fiume Pescara 28.12.2015 

Tunnel della morte i vertici del Polo chimico negano l’evidenza all’Arta 08.10.2015

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.