No elettrodotto 380 Kv. La Regione non mantiene gli impegni, allora è sit-in a Pescara

Chieti. Mentre ci si organizza per l’ennesimo sit-in No elettrodotto 380 Kv che si svolgerà a Pescara, il 22 gennaio ore 15 dinanzi la sede della Regione in viale Bovio, la memoria torna a un lontano passato. Un passato remoto in cui una Regione chiamata Abruzzo, rappresentata da un presidente di nome Luciano D’Alfonso, assunse alcuni impegni e promise promise,  promise tante cose. L’ente territoriale un tempo s’impegnò nei confronti della comunità delle province di Chieti e di Pescara a fare quanto in suo potere per fermare l’opera o almeno frenarla. Delle decine di buone intenzioni regionali di quel lontano 24 febbraio non rimangono che i tralicci. Di quelli, come dei pali monostelo, la compagnia elettrica ne ha piantati tanti, in questi mesi, mentre il consiglio regionale ha piantato i cittadini. I comitati No elettrodotto vennero persuasi ad attendere le mosse dei rappresentanti regionale per stoppare la mastodontica opera di Terna spa.

Elettrodotto Prefettura Chieti Report-age.com 2015
Presidio No Elettrodotto alla Prefettura di Chieti

All’epoca, l’assise regionale ha votato all’unanimità una Risoluzione di ben 22 punti d’impegno, ma l’unica cosa in cui sembra si siano davvero impegnati è di non fare una mossa per l’opera, nonostante le numerose criticità e difformità denunciate dai comitati e dagli uffici pubblici. A marzo 2015 la Regione ha avviato le procedure di verifica di ottemperanza con l’individuazione dei servizi competenti, ma a quell’ora più di un terzo dei cantieri era aperto. Sono stati emessi pareri dai servizi della Regione anche negativi. Ad oggi, l’ente territoriale non ha mai chiuso le procedure di verifica con un parere in grado di restituire alla cittadinanza lo stato delle cose. Diversi Comuni, anche tra quelli che hanno firmato l’intesa con Terna, hanno denunciato abusi di vario tipo chiamando in causa la Regione (ai sensi degli articoli 27 e 28 del DPR 380/2001).

Orecchie da mercante, a quanto pare. Anche il ministero dell’ambiente, Gina Luca Galletti, in un documento del 14 dicembre ammette che le verifiche di ottemperanza ante operam, da verificare prima dell’avvio dei lavori nei cantieri, sono ancora in itinere e che diversi dei pareri della Regione non sono mai stati emessi! Eppure Terna dichiara che a fine mese l’elettrodotto andrà a regime, insomma prevede che entrerà in funzione. Insomma, come ammetto anche gli ambientalisti, l’opera è praticamente finita. “Ora basta – rilanciano i Comitati della provincia teatina – Ci sentiamo presi in giro. La Regione può e deve fare qualcosa. Chiediamo con forza che venga emessa la relazione finale sulle ottemperanze, considerato che diversi servizi dell’ente regionale hanno già emesso parere negativo. Diversi comuni hanno segnato abusi e difformità, per questo domandiamo che venga seguito l’iter previsto dall’art. 28 DPR 380/2001 e che venga firmato e inviato, alla procura della Repubblica, un esposto che descriva i fatti relativi all’elettrodotto Villanova-Gissi dell’ultimo anno e le varie criticità riscontrate anche a livello idrogeologico. Non ultimo, è indispensabile che la Regione si costituisca ad adjuvandum o possa apportare un contributo ai ricorsi già esistenti” concludono dal Comitato No elettrodotto 380 Kv.

mariatrozzi77@gmail.com

Aggiornamenti

Tête-à-tête con le Iene per D’Alfonso incalzato sull’elettrodotto Villanova – Gissi 12.01.2016

2 risposte a "No elettrodotto 380 Kv. La Regione non mantiene gli impegni, allora è sit-in a Pescara"

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.