Parco nazionale Costa teatina: 9 associazioni chiedono il decreto per ufficializzarne la nascita

Chieti. Sbagliare è umano, perseverare è diabolico e allora, dopo la sospensione del progetto della piattaforma petrolifera Ombrina, 9 associazioni abruzzesi vogliono evitare che si commetta lo stesso errore e  chiedono alla Regione l’immediato decreto per il Parco nazionale della Costa teatina, ovvero la firma del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per riconoscere ufficialmente un parco istituito per legge dal 2001.

l Parco nazionale della costa teatina è il completamento naturale della scelta no petrolio, un’area protetta formalmente istituita da 15 anni, ma non ancora decretata a causa della sostanziale incapacità della nostra politica locale. Il commissario per la perimetrazione dell’area protetta, Giuseppe De Dominicis, ha svolto il suo compito e ha consegnato a luglio scorso, in anticipo sui tempi,  una propria cartografia alla presidenza del consiglio dei ministri. Nei mesi in cui si sarebbe dovuti passare alla firma del presidente della Repubblica, il presidente della Regione, Luciano D’Alfonso, è tornato indietro con il lavoro per le pressioni degli interessati ad una perimetrazione condivisa e con una nuova cartografia, alternativa a quella predisposta dal commissario ad acta. Questa seconda proposta è stata anche sommariamente mostrata ai presidenti di Wwf, Luciano Di Tizio, e di Legambiente Giuseppe Di Marco, ma la richiesta di ottenerne una copia del nuovo confinamento del Parco, confermano i rappresentanti delle due associazioni, non ha avuto soddisfazione: “Eppure ci dicono che la perimetrazione dei sindaci sarebbe stata inviata alla presidenza del consiglio dei ministri che si troverebbe sui propri tavoli, quindi, due diverse proposte, una nota ai cittadini perché più volte pubblicamente illustrata da De Dominicis, l’altra nota solo a chi la propone. Una situazione che di fatto alimenta lo stallo in atto da circa 6 mesi  -scrivono in una nota Archeoclub, Arci, Conalpa, Costituente per il Parco, Fai, Italia Nostra, Legambiente, Marevivo, Mila Donnambiente, Pro Natura, Wwf – Ciò non è più accettabile, bisogna uscire fuori e imbroccare la strada giusta”. Strada che è stata indicata dalla corposa manifestazione si Pescara nel 2013 e di Lanciano 2015 contro le trivelle che si aggiunge al resto. Alla luce di quanto sin qui esposto le associazioni chiedono alla Regione di adoperarsi presso la presidenza del consiglio  perché trasmetta immediatamente il decreto di perimetrazione elaborato sulla base del lavoro del commissario De Dominicis e chiedono che l’area protetta sia messa subito nelle condizioni di cominciare l’attività.

Con l’entrata in vigore della legge di stabilità, l’Abruzzo non teme l’arrivo dei pozzi petroliferi entro le 12 miglia dalle coste italiane. Resta comunque aperta la questione referendaria. Certo è che sono state cancellate le celebrazioni governative che alle attività petrolifere hanno affibbiato caratteri di strategicità, indifferibilità e urgenza così che i progetti, grazie alla via di fuga, potessero essere risparmiati dai tempi e dalle procedure indispensabili per valutarli e forse autorizzarli. La strategia energetica messa in campo dal governo italiano è antistorica e in controtendenza mondiale anche alla luce dell’ultimo accordo della Cop21 a Parigi sui cambiamenti climatici che chiede ai Paesi di abbandonare le fonti fossili indirizzandosi alle rinnovabili, nell’intento di abbattere il surriscaldamento globale.

mariatrozzi77@gmail.com

Approfondimento

Il Parco fantasma e il Parco marino in conflitto di competenza 11.12.2015

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.