Prognosi di 30 giorni per l’uomo aggredito dai cani da combattimento, a Introdacqua è emergenza sicurezza

Introdacqua (Aq). A Torrone di Introdacqua dei cani da combattimento seminano il terrore. L’ultima aggressione ieri ha visto come protagonisti ancora gli stessi animali padronali che qualche sabato fa giravano liberi per il borgo. Questa volta la vittima se l’è cavata con 30 giorni di prognosi e circa 150 punti di sutura su tutto il corpo. Si tratta di un sulmonese 50enne, con moglie e figlia, aggredito da 5 cani, 2 di razza corso e 2 pitbull più un pastore abruzzese. L’allevatore degli animali ha cercato di liberare l’uomo dalla presa dei cani, ma anche lui è stato ferito. Il 50enne era nell’abitazione dell’amico, ha dichiarato l’aggredito, per aiutarlo a fare dei lavori in casa.

Cane corso Report-age.com 2015A distanza di un mese dall’ultima aggressione di cani padronali per strada, il problema non sembra essere stato risolto nel territorio di Introdacqua. Sarebbero gli stessi animali che hanno fatto danno e spaventato la popolazione tanto da mobilitare una trentina di cittadini, dopo 3 aggressioni di cani da combattimento in 15 giorni, per una petizione in cui è stato chiesto di far cessare la minaccia degli animali aggressivi. L’iniziativa purtroppo non è stata sufficiente perché non sono bastati nemmeno i sopralluoghi della Polizia municipale e della Asl effettuati, la volta scorsa, nella frazione d Torrone per risolvere il problema. Insufficiente persino la recente ordinanza sindacale che prevede multe salate per chi lascia liberi i cani aggressivi. L’ultimo episodio si è registrato proprio a casa del proprietario di alcuni degli animali aggressivi.  Il servizio veterinario della Asl di Sulmona si è già occupato del caso, qualche mese fa i cani erano stati spostati ad Introdacqua dopo l’incidente di via l’Aquila, a Sulmona. A metà giugno infatti, sempre le stesse bestiole erano tenute in un appartamento delle case popolari e avevano aggredito un bambino e il padre rimasto ferito proprio per proteggere il figlio minacciato da uno dei cani, non si sa come, finito nell’atrio del condominio in cui risiedeva la nonna del piccolo. In base alla relazione della Asl, solo 4 cani trovati a Torrone, dove ieri è accaduto l’incidente, avrebbero il microchip e risulterebbero padronali, i 2 cani corso sono di chi terrebbe con sé anche i 2 pitbull intestati alla compagna. Il problema si pone poi anche per un pastore abruzzese che sarebbe nella disponibilità del padrone dei cani corso. A quanto pare uno dei cani da combattimento sarebbe in dolce attesa e i futuri cuccioli potrebbero essere un altro problema, questa poi non sarebbe l’unica gravidanza affrontata dall’animale.

“Bisogna correre ai ripari, la situazione non è più sostenibile” nella località montana sono disperati non sanno più a che santi votarsi per risolvere il problema. Nessun provvedimento sembra risolvere la questione. La massima autorità sanitaria, il sindaco di Introdacqua Terenzio Di Censo, sta cercando di fare il possibile per garantire sicurezza alla cittadinanza, ma da solo non può farcela. Un sequestro disposto con ordinanza sindacale non provocherebbe alcun effetto se non quello dell’affidamento degli animali al proprietario ieri rimasto ferito per allontanare i suoi animali dall’amico aggredito. Sulle aggressioni dei cani da combattimento indaga la Polizia del Commissariato di Sulmona che sta per inviare una informativa alla Procura della Repubblica. Ed è forse solo la Procura che con un provvedimento, speriamo d’urgenza, può risolvere la situazione d’emergenza. Dal canile municipale di Sulmona è stata data disponibilità, alla Asl e al primo cittadino di Introdacqua, per accogliere i cani protagonisti delle aggressioni. Per la serenità degli animali protagonisti di queste vicende cruenti sarebbe opportuna però una struttura specializzata.

Ordinanza sindacale n. 25 per tenere i cani da combattimento

Aggiornamenti

Di nuovo all’attacco i cani da combattimento: altro ferito oggi a Introdacqua 02.12.2015

Prime denunce per i cani da combattimento a Torrone di Introdacqua 12.11.2015

Cani da combattimento: il sindaco di Introdacqua scrive alla Procura per allontanarli 11.11.2015

Peggiora il 50enne morso dai cani, trasferito in una struttura specializzata 10.11.2015

Approfondimento

Branco di pitbull aggredisce un bimbo a Sulmona 12.06.2015

2 risposte a "Prognosi di 30 giorni per l’uomo aggredito dai cani da combattimento, a Introdacqua è emergenza sicurezza"

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.