Voleva farla finita gettandosi nel lago di Scanno, commerciante in difficoltà salvata dai Carabinieri

Scanno (Aq). L’altro giorno i Carabinieri della stazione di Scanno, coordinati da quelli della Compagnia carabinieri di Frascati, sono riusciti a salvare una commerciante della provincia di Roma che voleva togliersi la vita.

La donna, 50enne della provincia di Roma con un marito e 3 figli, esasperata dalle difficoltà economiche ha deciso di farla finita. Con una scusa si è allontanata dal suo negozio, di sera, non rientrando a casa. Preoccupati, i familiari si sono rivolti ai Carabinieri di Frascati raccontando l’accaduto e denunciando la scomparsa della signora, precisando che la donna aveva inviato dal tablet alcuni messaggi a sua sorella e alla figlia, facendo presagire brutte intenzioni. Scattata la macchina delle ricerche, grazie alla geo localizzazione dell’apparecchio elettronico della donna, la presenza della commerciante è stata segnalata a Scanno, nell’aquilano. La pattuglia dei Carabinieri di Scanno, capeggiata dal Comandante della Stazione, Enrico Tarquini (Maresciallo aiutante sostituto ufficiale di pubblica sicurezza), con una fotografia della donna, marca, modello, targa e colore dell’automobile a bordo della quale si era allontanata, si è subito attivata per rintracciarla. Ricerca che si è orientata verso i luoghi che si prestano all’insano gesto. Prime fra tutti sono state pattugliate le rive del lago di Scanno, un’intuizione positiva. Infatti poco dopo, parcheggiata in prossimità della riva del lago, sulla sponda che guarda Villalago, i Carabinieri hanno individuato l’automobile della donna. A bordo, seduta sul lato guida, vi era una donna in lacrime. A quel punto il comandante della stazione, sceso dalla macchina di servizio, con garbo e delicatezza le si è avvicinato e dopo averle chiesto se avesse bisogno di aiuto, evitando qualunque atteggiamento che potesse metterla in imbarazzo, via radio, ha comunicato l’esito positivo delle ricerche richiedendo anche l’intervento dei sanitari, il comandante Tarquini, con grande sensibilità, ha conversato con la donna chiedendole se fosse sposata, se avesse dei figli e soprattutto da quanto tempo non li sentiva. A quel punto la donna si è lasciata andare ad un lungo pianto liberatorio e ha raccontato delle difficoltà legate al suo lavoro, ricevendo dal Maresciallo parole di conforto e rassicurazione. Così dopo averla convinta a scendere dall’auto e dopo aver parlato con i suoi familiari, è stata affidata alle cure dei medici. mariatrozzi77@gmail.com

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.