Ottima proposta per l’area tra Pnalm e Parco Maiella, calendario venatorio senza Febbo

Dall’ex assessore Febbo, abbonato alle bocciature del Tribunale amministrativo regionale, solo critiche pretestuose e senza alcun fondamento, dichiarano Luciano Di Tizio  del WwfAbruzzo, Stefano Allavena, Lipu Abruzzo, Mario Viola Marano , Mountain wilderness, Mimi D’Aurora Dalla parte dell”Orso, Piera Lisa Di Felice Pro natura Abruzzo, Stefano Orlandini di Salviamo l’Orso.

Passano gli anni, ma Mauro Febbo  pur essendo un ex assessore boccia il calendario in preparazione per la prossima stagione quello che dovrebbe accogliere la proposta di istituzione di una zona c1 tra i parchi d’Abruzzo e della Maiella per limitare le attività venatorie, con tempi e modalità, differenziando la zona a presenza stabile del plantigrado, la cosiddetta zona C1 con le are limitrofe, la C2. Su Febbo scrivono le associazioni in una nota: “Con i soliti pretestuosi  e  falsi motivi, quando meglio sarebbe se riflettesse su tutti i calendari da lui licenziati e bocciati dal Tar”. La proposta di considerare C1 l’area tra il Pnalm (Parco nazionale Abruzzo, Lazio e Molise) ed il Pnm (Parco nazionale Maiella), per il prossimo Calendario venatorio è condivisa con i cacciatori locali ed i sindaci ed è in linea con le prescrizioni raccomandate dal Patom, sottoscritte dalla Regione e 5 delle maggiori associazioni venatorie nazionali, ma è anche dettata dal buon senso visto la presenza di Peppina, l’orsa diventata famosa per le sue frequentazioni dei territori di Pettorano sul Gizio e Cansano e di almeno altri 4 orsi maschi è  accertata almeno dallo scorso anno,  assicurano le associazioni proponenti che scrivono: ” L’ex assessore  gioca sull’ignoranza (dal verbo ignorare) di buona parte di coloro , inclusi alcuni giornalisti, che riportano  le sue dichiarazioni senza alcun fondamento :

  1.          Non è vero che le aree contigue siano una scelta, sono bensì  una previsione normativa, disattesa dal 1995.
  2.          Non è vero che verranno istituite ovunque, ad oggi è in itinere solo l’istituzione di quella del PNALM  nell’area più importante per l’orso ed in accordo con i cacciatori locali.
  3.          La 394/1991 indica una esclusività per i residenti/nativi ma la L.R. 10/2004 stabilisce solo una priorità per gli stessi  quindi  laddove sarà permesso per il raggiungimento del carico venatorio saranno ammessi anche altri cacciatori;
  4.          Le aree contigue non  hanno niente a che fare  con il PATOM, la  C1 o  la C2;

Infine un’ultima  considerazione magari banale ma per la ns. politica forse adeguata….le comunità montane hanno fin troppi limiti e costi aggiuntivi (sanità, scuola, trasporti ecc.) avranno almeno il diritto di regolamentare  alcune attività al fine di  evitare che altri depredino le loro scarse risorse naturali (caccia, funghi, tartufi ) ??

A noi basta ricordare solo alcune  cose dell’esperienza  di governo  dell’assessore Febbo e della sua giunta  per  esser  certi che non sia da rimpiangere:

  • il tentativo di tagliare il Parco Regionale Sirente–Velino  sventato dalle 140,000 firme raccolte dalle associazioni
  • i calendari venatori  ripetutamente bocciati dal TAR che hanno creato grave disagio a chi voleva legittimamente esercitare il suo diritto di andare a caccia in sicurezza di diritto
  • l’insabbiamento del Piano del  Pnalm e dell’istituzione delle aree contigue contro la volonta’ delle comunita’ locali

Concludono le associazioni: “Si dia pace l’ex assessore e cerchi altrove i pretesti per le sue polemiche strumentali e di basso profilo”. mariatrozzi77@gmail.com

Video Orso a Roccapia

Ask yourself if it is really necessary..

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.